Federazione Sindacati Indipendenti

il 25 novembre prossimo scadono i termini per presentare la domanda di indennizzo per gli Operatori contaggiati dal visur dell’Epatite

Avviso importante per gli operatori sanitari contagiati da epatite, il 25 novembre prossimo scadono i termini per presentare la domanda di indennizzo

Nel 1992 è stata varata la legge 210, rivolta a chi per vaccinazioni, emotrasfusioni ecc, aveva contratto l’HIV. In seguito questa disposizione era stata estesa anche a chi aveva contratto l’HCV.

Purtroppo tra i beneficiari dell’indennizzo NON erano contemplati gli operatori sanitari, che da una parte avevano contratto la malattia per Causa di Servizio e dall’altra erano tra i soggetti più a rischio.

Dopo anni di battaglie la SENTENZA n. 476/2002 della Corte Costituzionale ESTENDEVA i benefici previsti dalla Legge 210/1992 anche agli operatori sanitari che hanno contratto un danno irreversibile a seguito di contatto con sangue o suoi derivati provenienti da soggetti affetti da epatiti virali.

Nello specifico il beneficio consiste nell’erogazione di un assegno assistenziale mensile il cui importo varia da € 546 ad € 622 a seconda della categoria tabellare di appartenenza.

Stando alla sentenza della Corte, le persone che hanno contratto l’infezione in data antecedente  al 26 novembre 2002 possono accedere agli indennizzi solo entro il 25 novembre 2005. Non solo quindi i tempi sono strettissimi, ma avendo il Parlamento disatteso la sentenza, molti operatori non sanno nemmeno di poter chiedere  un risarcimento.

La FSI USAE  che ha già assistito vari operatori,  mette a disposizione  i propri uffici  per assistere tutti coloro che ne faranno richiesta.

Per eventuali chiarimenti o informazioni   contattare i Referenti  della Nostra Organizzazione.