Federazione Sindacati Indipendenti

Irccs: nuove regole per le nomine dei direttori scientifici

Il Consiglio dei ministri ha approvato, su proposta del ministro della Salute Livia Turco, uno schema di regolamento con il quale sono stabilite nuove modalità di selezione, incarico e revoca dei direttori scientifici degli Irccs di diritto pubblico.

Con questo provvedimento la nomina dei direttori scientifici, spettante al ministro della Salute in base alla legge di riforma degli Irccs del 2003, resterà di competenza del Ministro ma avverrà sulla base di una terna di candidati idonei, selezionata da una apposita Commissione cui spetterà la valutazione di merito dei titoli e dei curricula dei candidati che avranno aderito ad un avviso pubblico da pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale.

La Commissione, nominata dal Ministro della Salute, sarà composta dal Direttore generale della Ricerca scientifica e tecnologica del Ministero della Salute, dal Presidente dell’Istituto superiore di sanità, dal Presidente dell’Istituto superiore per la prevenzione e sicurezza sul lavoro, da un rappresentante del Ministero della Università e Ricerca, da un rappresentante della Regione ove l’Istituto ha la sede principale, dal direttore generale dell’Istituto interessato alla nomina, da un rappresentante scelto tra i direttori scientifici competenti della materia, da tre rappresentanti della comunità scientifica, anche di nazionalità straniera, di indiscussa fama internazionale nella disciplina. Il Presidente della Commissione è nominato dal Ministro della Salute fra i tre rappresentanti della comunità scientifica.

Il regolamento prevede anche le modalità di revoca del direttore scientifico da parte del Ministro della Salute, sentito il presidente della Regione interessata, prevedendo la possibilità di rimozione dall’incarico a seguito del mancato raggiungimento degli obiettivi assegnati, per responsabilità grave e reiterata e in tutti gli altri casi previsti dai contratti di lavoro.

Il regolamento diventerà operativo previa nuova definitiva deliberazione del Consiglio dei Ministri una volta acquisiti i pareri del Consiglio di Stato e della Conferenza Stato Regioni.

«Con questo regolamento – ha dichiarato il Ministro Livia Turco – si conferma la volontà di questo Governo e del Ministro della Salute di operare una netta distinzione tra gestione della sanità e politica. Abbiamo iniziato abrogando la norma voluta dal centro destra che equiparava i cinque anni di mandato di un ex parlamentare o consigliere regionale ai cinque anni di esperienza manageriale per diventare direttore generale di una Asl o di un ospedale.
Ora abbiamo provveduto a far sì che la nomina dei direttori scientifici degli Irccs di diritto pubblico avvenga dopo una attenta valutazione sulla base di un bando pubblico e di una selezione operata da una Commissione di esperti di alto profilo, presieduta da uno scienziato di indiscussa fama internazionale.
Il prossimo impegno sarà poi quello di affrontare il tema della nomina dei primari e degli altri dirigenti del Ssn, e lo faremo nell’ambito del provvedimento allo studio sul Governo clinico ove saranno inserite soluzioni semplici, trasparenti ed efficaci che consentano di effettuare scelte basate esclusivamente sul merito e sulle competenze