Federazione Sindacati Indipendenti

Sanita’: Regione Lombardia,Respingiamo Dati Moige Su Vaccini

(ANSA) – ROMA, 18 set – Le affermazioni del Moige sulle vaccinazioni anti-meningite in Lombardia sono da ”respingere in quanto non corrispondono affatto alla realta’ .

La Lombardia ha un piano preciso in materia, basato sui criteri piu’ moderni, scientifici ed adeguati alla situazione epidemiologica”. E’ quanto si legge in una nota della Direzione Generale Sanita’ della Regione Lombardia, in risposta al Movimento Italiano Genitori, che denuncia ritardi sul fronte delle vaccinazioni anti-meningite in alcune Regioni tra cui la Lombardia.

”La Regione Lombardia – sottolinea la Direzione Sanita’ – ha adottato nel dicembre scorso un proprio piano per le vaccinazioni dell’infanzia e dell’adulto che e’ assolutamente in linea con quanto previsto dal Piano Nazionale Vaccini, che non prevede la necessita’ di una campagna di vaccinazione universale, ma rinvia a ciascuna Regione, in base alle diverse condizioni epidemiologiche, l’adozione delle conseguenti strategie”. Un approfondito studio epidemiologico condotto nella regione e relativo al periodo 2000-2005, sottolinea inoltre la Direzione Sanita’, ”ha consentito di verificare che l’incidenza di meningite, pneumococcica e meningococcica, si colloca a livelli inferiori alla media europea. La Commissione scientifica regionale ha in ogni caso stabilito di riverificare i dati epidemiologici e di efficacia dei vaccini, onde valutare, se necessario, un cambiamento delle attuali modalita’ di offerta del vaccino”.

Sia il vaccino antipneumococcico che antimeningococcico vengono, allo stato attuale, precisa la nota, ”offerti attivamente e gratuitamente per bambini ed adulti che si trovino in condizioni di aumentato rischio di contrarre la malattia e per le famiglie con disagio sociale. Da ultimo – conclude la Regione Lombardia – va segnalato che in molte occasioni sono state inviate comunicazioni al Moige nelle quali vi erano le motivazioni di carattere scientifico alla base delle scelte di vaccinazione, motivazioni che anche oggi il Moige ha ignorato”.
(ANSA).