Federazione Sindacati Indipendenti

La burocrazia ci costa 5.500 euro a testa: solo i francesi pagano più di noi

VENEZIA (1 settembre) – La Pubblica amministrazione costa in media a ciascun cittadino italiano, compresi gli interessi sul debito, 5.564 euro l’anno, una cifra che colloca la nostra burocrazia fra le più care d’Europa dietro solo alla Francia. E’ quanto emerge da una ricerca dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre che ha messo a confronto lo “score” delle principali pubbliche amministrazioni europee.

In Italia sul totale del costo incide molto la spesa per interessi sul debito pubblico e, in particolare, quella relativa al funzionamento della macchina pubblica (cioè l’amministrazione e la gestione). Tra i principali competitori economici europei, solo la Francia, con 5.765 euro per ogni cittadino, registra una spesa superiore alla nostra, anche se in termini di efficienza e di performance – sostiene la Cgia – il pubblico impiego transalpino «è nettamente migliore» rispetto a quello italiano. La spesa di funzionamento totale – spiega sempre la Cgia – è data dalla sommatoria dei costi per il personale, dei costi per l’amministrazione e la gestione e di quelli per gli interessi da pagare sul debito pubblico. Dietro Francia e Italia si piazza il Regno Unito con 5.182 euro, poi la Germania (4.115) e, all’ultimo posto tra i principali Paesi dell’Europa dei 15, la Spagna, con soli 3.247 euro pro capite.

«Di fronte a questi risultati – commentano alla Cgia di Mestre – ciò che balza subito agli occhi non è tanto il costo del personale italiano, che con 2.660 euro pro capite è ben al di sotto dei dati riferiti al Regno Unito o alla Francia, bensì i costi per il funzionamento della macchina pubblica, che è la più costosa tra i principali Paesi Ue nostri competitori». Infatti – precisano – se in Italia il costo si attesta sui 1.763 euro pro capite, in Francia è pari a 1.389 euro, mentre tutti gli altri Paesi sono ben al di sotto di questo importo. Infine, paghiamo ben 1.141 euro pro capite di interessi sul debito pubblico, contro i 752 della Germania, i 739 della Francia, i 638 del Regno Unito e i 379 della Spagna.