Federazione Sindacati Indipendenti

DELEGA SUI LAVORI USURANTI

“E’ iniziato oggi, alla Commissione lavoro della Camera, l’esame della delega al governo in materi adi lavori usuranti , di riorganizzazioni di enti , di misure contro il lavoro sommerso e di norme in tema di lavoro pubblico e di controversie di lavoro. Si annuncia, con questo provvedimento, un nuovo attacco alle tutele sul lavoro e una diminuzione di sanzioni nei confronti del lavoro sommerso.” Lo dichiara Cesare Damiano, vice ministro del Lavoro del Governo Ombra.

“Per quanto riguarda i lavori usuranti -continua Cesare Damiano- esiste il rischio che l’esercizio della delega, da adottare entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge, prolunghi i tempi dell’applicazione della normativa, a tutto svantaggio dei lavoratori e in contrasto con i tempi definiti dal protocollo del 23 luglio del 2007. Per questo è fondamentale che l’esercizio della delega avvenga in tempi più ristretti rispetto a quelli voluti dal governo.”

“E’ questo un punto di partenza -conclude il vice ministro del governo ombra-
dal quale, come ci auguriamo, può scaturire la ricerca di una convergenza tra le varie proposte di legge presentate sull’argomento, al fine dell’applicazione della delega in coerenza con i contenuti stabiliti con le parti sociali nel protocollo del luglio scorso.”

“E’ iniziato oggi, alla Commissione lavoro della Camera, l’esame della delega al governo in materi adi lavori usuranti , di riorganizzazioni di enti , di misure contro il lavoro sommerso e di norme in tema di lavoro pubblico e di controversie di lavoro. Si annuncia, con questo provvedimento, un nuovo attacco alle tutele sul lavoro e una diminuzione di sanzioni nei confronti del lavoro sommerso.” Lo dichiara Cesare Damiano, vice ministro del Lavoro del Governo Ombra.

“Per quanto riguarda i lavori usuranti -continua Cesare Damiano- esiste il rischio che l’esercizio della delega, da adottare entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge, prolunghi i tempi dell’applicazione della normativa, a tutto svantaggio dei lavoratori e in contrasto con i tempi definiti dal protocollo del 23 luglio del 2007. Per questo è fondamentale che l’esercizio della delega avvenga in tempi più ristretti rispetto a quelli voluti dal governo.”

“E’ questo un punto di partenza -conclude il vice ministro del governo ombra-
dal quale, come ci auguriamo, può scaturire la ricerca di una convergenza tra le varie proposte di legge presentate sull’argomento, al fine dell’applicazione della delega in coerenza con i contenuti stabiliti con le parti sociali nel protocollo del luglio scorso.”