Federazione Sindacati Indipendenti

SANITA’: CAUSE CONTRO MEDICI, COSTANO 500 MLN EURO

Sono quasi 30mila l’anno le cause intentate dai pazienti contro i propri medici, cause che costano alla sanita’ pubblica 500 milioni di euro solo per l’assicurazione.

I medici temono di essere trascinati in tribunale (lo ammette l’87,6% dei medici romani) e si ‘chiudono in difesa’ ricorrendo alla pratica della ‘medicina difensiva’, un comportamento diagnostico orientato a ridurre il livello di esposizione del medico ad un conflitto giudiziale iniziato dal paziente. Una pratica questa che si traduce in una iper prescrizione di prestazioni sanitarie con conseguenze negative sui pazienti, i medici, e l’economia del Sistema sanitario nazionale.

Lo rivela uno studio curato dall’Ordine provinciale di Roma dei medici chirurghi e degli odontoiatri diretto da Mario Falconi (presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei medici chirurghi e degli odontoiatri) e da Aldo Piperno (professore ordinario Scienze dell’organizzazione Universita’ di Napoli, Federico II), che per la prima volta in Italia analizza il fenomeno sempre piu’ dilagante della ‘medicina difensiva’, indagando sul un campione statistico pari a 800 medici, rappresentativo della totalita’ dei medici di Roma e provincia.