Federazione Sindacati Indipendenti

SANITA’: CORTE CONTI, 39 MLN PER AMBULANZE INUTILI IN SICILIA

Palermo – Le ambulanze ‘inutili’ sono in tutto 113. Di queste, 64 furono destinate al servizio del 118 con un un provvedimento emesso il 4 ottobre del 2005 dall’allora assessore regionale alla Sanita’, Giovanni Pistorio, che con lo stesso atto elevo’ da 10 a 12 il numero dei soccorritori da assegnare a ciascuna ambulanza. Le decisioni di Pistorio furono assunte in base a una delibera della giunta regionale del 20 settembre del 2005 e a una conferenza di servizi.

Le restanti 49 ambulanze, come ricostruisce oggi l’edizione siciliana di ‘Repubblica’, furono invece inserite nella dotazione del 118 con due emendamenti approvati a maggioranza dalla commissione Sanita’ dell’Ars. L’incremento del numero delle ambulanze comporto’ l’assunzione del personale necessario a equipaggiarle: in totale circa 2.500 persone, tra lavoratori che avevano seguito un corso di formazione e avevano superato un esame alla Sise, la societa’ di gestione del 118, e precari che erano stati utilizzati dalla stessa Sise.

Secondo la Procura della Corte dei conti, che ha emesso gli inviti a dedurre, “il 118 e’ stato potenziato con mezzi non necessari e personale diverso dai profili qualificati (medici e infermieri professionali) ma anche trasgredendo la previsione delle linee guida nazionali e regionali che richiedevano la presenza di medici su ogni mezzo”.