Federazione Sindacati Indipendenti

Commissione sanità, riscontrate irregolarità nei bilanci delle aziende

La delegazione della Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori sanitari e i disavanzi sanitari regionali, presieduta da Leoluca Orlando, al lavoro a Catania, avrebbe scoperto “anomalie ed incompletezze” nei bilanci delle aziende sanitarie. La Commissione ha ascoltato i rappresentanti sindacali del settore, i vertici dell’Università di Catania, il direttore generale dell’azienda ospedaliera del Policlinico di Catania, i direttori generali e i rappresentanti della Croce rossa Sicilia, i direttori generali delle aziende sanitarie di Ragusa ed Enna e del presidente dell’Upi.

La Commissione avrebbe trovato delle inadeguatezze per quanto riguarda l’unità di terapia neonatale, e in particolar modo sul problema della gestione carente delle emergenze. Altri punti critici emersi sono quelli della carenza sul fronte della riabilitazione e del funzionamento del Cup. Affrontata come era ovvio anche la relazione della Corte dei conti presentata nel 2008, che ha messo sotto accusa l’aumento delle ambulanze e le assunzioni.

”La Commissione – ha dichiarato Orlando – ha proceduto ad un esame attento di tutti i bilanci delle aziende sanitarie, soffermandosi su anomalie ed incompletezze. Purtroppo dall’esame è emerso un vero e proprio deficit della cultura del dato, ancora gravemente mancante, visto che tra i dati reali e quelli risultanti abbiamo riscontrato differenze significative, anche nell’ordine di decine e decine di milioni, che certo non possono essere qualificati come ‘svista”.