Federazione Sindacati Indipendenti

Spesa sanitaria, il Molise deve ‘dimagrire’ di 60 milioni di euro

Cosa accadrà quando il federalismo diventerà vigente e riguarderà anche la sanità? Il Cerm ha fatto uno studio proponendo una simulazione che prevede una forte “cura dimagrante” dei costi della sanità nelle regioni italiane. Che, per stare nei parametri immaginati dal Cerm, dovranno ridurre la spesa in modo significativo. Alcune, come la Provincia autonoma di Bolzano, del 27 per cento, altre, come il Piemonte, di appena il 3,6 per cento rispetto alla spesa attuale.

Per quanto riguarda il Molise, per rientrare dentro i “binari” di una gestione equilibrata dovrà ridurre la spesa del 9,3 per cento rispetto a quella contabilizzata nel 2009 passando da oltre 647 milioni di euro a quasi 590 milioni. Che poi corrisponde ad una cifra leggermente superiore al trasferimento attuale dallo Stato dei fondi per la sanità. Lo studio è molto realistico visto che le elaborazioni sono state fatte partendo dall’analisi della bozza di decreto sul federalismo fiscale -“benchmarking” e costi standard – in base ai profili di spesa sanitaria anche per fasce di età.

Per determinare gli standard di spesa sanitaria si selezionano le Regioni che, nel corso degli ultimi anni, hanno rispettato la programmazione realizzando condizioni di sostanziale equilibrio di bilancio e, inoltre, hanno erogato prestazioni di qualità, testimoniate da rilevazioni e riflesse da un saldo attivo dei flussi di mobilità. Queste Regioni sono assunte come benchmark: Emilia Romagna, Lombardia, Toscana, Umbria, Veneto.

La media, sulle 5 Regioni benchmark, dei valori di spesa pro-capite per fascia di età è assunta come valore standardizzato del fabbisogno sanitario pro-capite per quella stessa fascia di età. Il fabbisogno standardizzato è infine applicato alla struttura demografica delle altre Regioni al 2009, per ottenerne il fabbisogno standardizzato. Le Regioni che, dopo la standardizzazione, fanno registrare una spesa a consuntivo 2009 superiore al fabbisogno standardizzato, sono quelle che dovrebbero sostenere azioni correttive.