Federazione Sindacati Indipendenti

Sanità Usa, la Camera vota sì alla revisione della riforma di Obama

La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha votato a maggioranza per la revisione della riforma sanitaria varata un anno fa dal presidente Barack Obama. Proposta dai deputati repubblicani, la proposta di legge è passata con 245 voti a favore e 189 contrari.

La nuova maggioranza repubblicana ha così mantenuto una delle promesse della campagna elettorale per le elezioni di metà mandato, durante la quale ogni candidato repubblicano aveva espresso l’impegno per ribaltare la riforma sanitaria di Obama. Il provvedimento approvato oggi ha peraltro poche possibilità di proseguire il suo iter, perché dovrebbe essere bloccato in Senato, dove i democratici hanno mantenuto la maggioranza.

Nel corso del dibattito alla Camera, i parlamentari democratici hanno difesa la riforma Obama, ribadendo le ragioni per cui a loro avviso avrà effetti benefici sia sulla sanità, sia sui conti pubblici degli Stati Uniti. Di segno nettamente opposto le posizioni dei repubblicani, secondo i quali la riforma rappresenta un aumento insostenibile della spesa pubblica.

 

L’Unione Sarda