Federazione Sindacati Indipendenti

Accordo collettivo nazionale sui rapporti tra Ministero della salute e personale sanitario non medico

Decreto Ministero Salute 06.07.2012 n° 142 , G.U. 27.08.2012

 

MINISTERO DELLA SALUTE, DECRETO 6 luglio 2012, n. 142

Regolamento recante l’Accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti convenzionali tra il Ministero della salute ed il personale sanitario non medico operante negli ambulatori direttamente gestiti dal Ministero della salute per l’assistenza sanitaria e medico-legale al personale navigante, marittimo e dell’aviazione civile. (Parte economica – validita’ 1° gennaio 2007-31 dicembre 2009). (12G0163)

(GU n. 199 del 27-8-2012)

IL MINISTRO DELLA SALUTE

Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 31 luglio 1980, n. 620, recante norme sulla disciplina dell’assistenza sanitaria al personale navigante marittimo e dell’aviazione civile;

Visto il decreto del Ministro della sanita’ 22 febbraio 1984, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 77 del 17 marzo 1984, con il quale sono stati fissati i livelli delle prestazioni sanitarie e delle prestazioni economiche accessorie a quelle di malattia assicurate al personale di cui sopra;

Visto l’articolo 18, comma 7, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, il quale stabilisce che i rapporti con il personale sanitario per l’assistenza sanitaria e medico-legale al personale navigante sono disciplinati con regolamento ministeriale in conformita’, per la parte compatibile, alle disposizioni di cui all’articolo 8 dello stesso decreto legislativo;

Visto l’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Vista la legge 13 novembre 2009, n. 172, concernente l’istituzione del Ministero della salute;

Visto l’articolo 4, comma 88, della legge 12 novembre 2011, n. 183, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilita’ per il 2012)»;

Visto il decreto del Ministro della sanita’ 30 dicembre 2005, n. 302, con il quale e’ stato reso esecutivo l’Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti convenzionali tra il Ministero della salute ed il personale sanitario non medico operante negli ambulatori direttamente gestiti dal Ministero della salute per l’assistenza sanitaria e medico-legale al personale navigante, marittimo e dell’aviazione civile per il periodo 1° gennaio 2004-31 dicembre 2006;

Visto il Contratto Collettivo Nazionale di lavoro del comparto del personale «sanita’» riguardante il biennio economico 2004-2005, sottoscritto in data 5 giugno 2006;

Visto il Contratto Collettivo Nazionale di lavoro del comparto del personale «sanita’» riguardante il biennio economico 2006-2007 sottoscritto in data 10 aprile 2008;

Visto il Contratto Collettivo Nazionale di lavoro del comparto del personale «sanita’» riguardante il biennio economico 2008-2009 sottoscritto in data 31 luglio 2009;

Visto l’Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici specialisti ambulatoriali interni, medici veterinari ed altre professionalita’ (biologi, chimici e psicologi) reso esecutivo in data 23 marzo 2005, ai sensi dell’articolo 48 della legge 23 dicembre 1978, n. 833 e dell’articolo 8 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, ed in particolare l’articolo 43 concernente il trattamento economico spettante ai professionisti;

Ritenuto di allineare, per la parte compatibile, la disciplina di cui al citato decreto del Ministro della sanita’ 30 dicembre 2005, n. 302, agli istituti economici dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro sopra citati;

Considerato che in data 16 dicembre 2009 e’ stato sottoscritto con le organizzazioni sindacali interessate l’Accordo Collettivo Nazionale per regolare il trattamento economico del personale sanitario non medico operante negli ambulatori gestiti dal Ministero della salute per l’assistenza sanitaria al personale navigante, marittimo e dell’aviazione civile;

Vista la nota del Ministero dell’economia e delle finanze del 30 luglio 2010;

Udito il parere interlocutorio del Consiglio di Stato, sezione consultiva per gli atti normativi, reso nell’Adunanza del 25 novembre 2010;

Considerato che, al fine di allineare l’ipotesi di accordo sottoscritto in data 16 dicembre 2009 a quanto previsto dalla legge di stabilita’ per il 2012, in data 20 dicembre 2011 e’ stato nuovamente sottoscritto con le organizzazioni sindacali interessate l’Accordo Collettivo Nazionale per regolare il trattamento economico del personale sanitario non medico operante negli ambulatori gestiti dal Ministero della salute per l’assistenza sanitaria al personale navigante, marittimo e dell’aviazione civile;

Considerato che l’applicazione della suindicata disciplina ai rapporti convenzionali relativi agli anni 2001-2009 comporta un onere complessivo di 2.038.045,39 euro, con un maggiore onere a tutto il 2012 di 1.505.510,46 euro, nonche’ in 1.054.444,87 euro per contributi previdenziali e Irap, per un onere complessivo di 4.598.000,72 euro;

Udito il parere del Consiglio di Stato, sezione consultiva per gli atti normativi, espresso nell’Adunanza del 3 aprile 2012;

Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri a norma dell’articolo 17, comma 3, della citata legge n. 400 del 1988, con nota n. 25251 in data 30 maggio 2012;

Adotta il seguente regolamento:

Art. 1

1. E’ reso esecutivo l’Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti convenzionali tra il Ministero della salute ed il personale sanitario non medico operante negli ambulatori direttamente gestiti dal Ministero della salute per l’assistenza sanitaria e medico legale al personale navigante, marittimo e dell’aviazione civile, parte economica, ai sensi dell’articolo 18, comma 7, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, per il periodo 1° gennaio 2007-31 dicembre 2009, riportato nel testo allegato.

2. Agli oneri derivanti dall’applicazione del presente regolamento, si provvede a valere sugli stanziamenti del capitolo 2423 «Somme occorrenti alla copertura degli Accordi Collettivi Nazionali stipulati tra l’Amministrazione e il personale sanitario che presta assistenza sanitaria in Italia al personale navigante» dello stato di previsione della spesa del Ministero della salute per l’esercizio finanziario 2012.

Il presente regolamento, munito del sigillo dello Stato, e sottoposto al visto e alla registrazione della Corte dei Conti, sara’ inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Roma, 6 luglio 2012.

Il Ministro: Balduzzi

Visto, il Guardasigilli: Severino

Registrato alla Corte dei conti il 6 agosto 2012

Ufficio di controllo sugli atti del MIUR, MIBAC, Min. Salute e Min. Lavoro, registro n. 11, foglio n. 241.


Allegato

ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CONVENZIONALI TRA IL MINISTERO DELLA SALUTE ED IL PERSONALE SANITARIO NON MEDICO OPERANTE NEGLI AMBULATORI DIRETTAMENTE GESTITI DAL MINISTERO DELLA SALUTE PER L’ASSISTENZA SANITARIA E MEDICO LEGALE AL PERSONALE NAVIGANTE, MARITTIMO E DELL’AVIAZIONE CIVILE.

Art. 1.

Campo di applicazione

1. Ai sensi dell’articolo 18, comma 7, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, il presente accordo collettivo nazionale si applica a tutto il personale sanitario non medico (infermieri, infermieri generici, tecnici di radiologia, tecnici di laboratorio, tecnici dell’area della riabilitazione, chimici, psicologi e biologi) che opera negli ambulatori direttamente gestiti dai competenti uffici di assistenza sanitaria al personale navigante, marittimo e dell’aviazione civile (di seguito denominati uffici SASN), dipendenti dalla Direzione Generale delle Risorse Umane e Professioni sanitarie, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 31 luglio 1980, n. 620, del decreto-legge 2 luglio 1982, n. 402, convertito nella legge 3 settembre 1982, n. 627, e del decreto ministeriale 22 febbraio 1984. 2. Il presente accordo ha validita’ per il periodo 1° gennaio 2007-31 dicembre 2009 e disciplina il trattamento economico del personale sanitario di cui al comma precedente. 3. Per quanto non espressamente previsto dal presente accordo, restano in vigore le norme del precedente accordo di cui al decreto ministeriale 30 dicembre 2005, n. 302.

Art. 2.

Trattamento economico degli infermieri (ex infermieri professionali), dei tecnici di radiologia, dei tecnici di laboratorio, dei tecnici dell’area della riabilitazione

1. A decorrere dal 1° gennaio 2007, agli infermieri (ex infermieri professionali), ai tecnici di radiologia, ai tecnici di laboratorio e ai tecnici dell’area della riabilitazione, operanti negli ambulatori direttamente gestiti dal Ministero della salute per l’assistenza sanitaria al personale navigante, marittimo e dell’aviazione civile, e’ corrisposto mensilmente un compenso orario forfetario omnicomprensivo nella misura lorda pari alla quota oraria attualmente prevista per il lavoro straordinario diurno festivo effettuato dal personale di cui al Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto del Servizio Sanitario Nazionale, biennio economico 2008-2009, sottoscritto in data 31 luglio 2009. 2. Il compenso orario e’ determinato con le modalita’ di cui all’articolo 10, commi 7 e 9, del decreto del Presidente della Repubblica 28 novembre 1990, n. 384, tenuto conto degli stipendi tabellari attribuiti al personale dipendente del comparto sanita’ inquadrato nella categoria D dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro sottoscritti rispettivamente in data 5 giugno 2006 (biennio 2004-2005), in data 10 aprile 2008 (biennio 2006-2007), ed in data 31 luglio 2009 (biennio 2008-2009). 3. Il compenso orario e’ pari ad € 15,17 dal 1° gennaio 2007, ad €
16,00 dal 1° febbraio 2007, ad € 16,07 dal 1° gennaio 2008, a € 16,62 dal 1° gennaio 2009. 4. I compensi gia’ corrisposti dal 1° gennaio 2004 al 31 dicembre 2006 saranno ricalcolati secondo le variazioni intervenute nei rispettivi CCNL di riferimento in base ai compensi orari riportati nella tabella A, che forma parte integrante del presente Accordo. 5. Ai tecnici di radiologia si applica, in quanto compatibile la disposizione relativa all’indennita’ di rischio di cui all’articolo 48 del decreto del Presidente della Repubblica n. 348 del 1983.

Art. 3.

Trattamento economico degli infermieri generici

1. A decorrere dal 1° gennaio 2007, agli infermieri generici operanti negli ambulatori direttamente gestiti dal Ministero della salute per l’assistenza sanitaria al personale navigante, marittimo e dell’aviazione civile, e’ corrisposto mensilmente un compenso orario forfetario omnicomprensivo nella misura lorda pari alla quota oraria attualmente prevista per il lavoro straordinario diurno festivo effettuato dal personale del comparto «Sanita’», di cui al Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto del Servizio Sanitario Nazionale, biennio economico 2008-2009, sottoscritto in data 31 luglio 2009. 2. Il compenso orario e’ determinato con le modalita’ di cui all’articolo 10, commi 7 e 9, del decreto del Presidente della Repubblica 28 novembre 1990, n. 384, tenuto conto degli stipendi tabellari attribuiti al personale dipendente del comparto sanita’ inquadrato nella categoria BS dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro sottoscritti rispettivamente in data 5 giugno 2006 (biennio 2004-2005), in data 10 aprile 2008 (biennio 2006-2007), ed in data 31 luglio 2009 (biennio 2008-2009). 3. Il compenso orario e’ pari ad € 12,63 dal 1° gennaio 2007, a €
13,32 dal 1° febbraio 2007, a € 13,38 dal 1° gennaio 2008, a € 13,84 dal 1° gennaio 2009. 4. I compensi gia’ corrisposti dal 1° gennaio 2004 al 31 dicembre 2006 saranno ricalcolati secondo le variazioni intervenute nei rispettivi CCNL di riferimento in base ai compensi orari riportati nella tabella B, che forma parte integrante del presente Accordo.

Art. 4.

Trattamento economico e previdenziale dei chimici, biologi e psicologi

1. A decorrere dal 1° gennaio 2007, ai chimici, ai biologi e agli psicologi operanti negli ambulatori direttamente gestiti dal Ministero della salute per l’assistenza sanitaria al personale navigante, marittimo e dell’aviazione civile e’ corrisposto, mensilmente, un trattamento economico disciplinato, per quanto compatibile, dall’articolo 43 dell’Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici specialisti ambulatoriali interni, ed altre professionalita’ (biologi, chimici, psicologi), reso esecutivo in data 23 marzo 2005. 2. Tale trattamento economico si articola in: A – QUOTA ORARIA A1. A decorrere dal 1° gennaio 2007, ai chimici, biologi e psicologi e’ corrisposto mensilmente un compenso orario di € 19,45. A2. Al compenso di cui alla precedente lettera A1, vanno aggiunte ulteriori quote in relazione alle anzianita’ di servizio maturate fino al 31 dicembre 1998 e pari a:
€ 0,042 per mese di servizio, fino al 192esimo mese;
€ 0,022 per mese di servizio, dal 193esimo mese.
B – QUOTA VARIABILE B1. A decorrere dal 1° gennaio 2007, in analogia a quanto previsto dall’articolo 19, comma 1, lettera B, punto 1, dell’accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti tra il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali ed i medici ambulatoriali, specialisti e generici, operanti negli ambulatori a gestione diretta per l’assistenza sanitaria e medico-legale al personale navigante, marittimo e dell’aviazione civile – quinquennio 2001-2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 16 giugno 2009, n. 137, e’ corrisposta una quota oraria di ponderazione qualitativa, non riassorbibile, quantificata in € 1,75. 3. I compensi gia’ corrisposti dal 1° gennaio 2004 al 31 dicembre 2006 saranno ricalcolati secondo le variazioni intervenute nei rispettivi CCNL di riferimento in base ai compensi orari riportati nella tabella C, che forma parte integrante del presente Accordo.
4. Per gli anni 2001, 2002 e 2003 sono corrisposti arretrati nella misura indicata nella tabella C, che forma parte integrante del presente Accordo.
5. A partire dal 1° gennaio 2004, l’ufficio SASN competente versa trimestralmente ai professionisti (chimici, biologi e psicologi) un contributo del 24%, di cui il 14,19% a proprio carico ed il 9,81% a carico di ogni singolo professionista, calcolato su tutti i compensi di cui al presente articolo.

Art. 5.

Oneri di spesa

1. Gli oneri derivanti dall’applicazione del presente accordo sono valutati per gli anni 2001-2009 in € 2.038.045,39, con un maggiore onere a tutto il 2012 di € 1.505.510,46, nonche’ in € 1.054.444,87 per contributi previdenziali e irap, per un onere complessivo di €
4.598.000,72.

Norma finale n. 1

1. Ai fini dell’applicazione dell’articolo 4 del presente accordo, per i chimici, biologi e psicologi sono fatti salvi i livelli retributivi come determinati dall’articolo 17 comma 1, del decreto ministeriale 30 dicembre 2005, n. 302.

Dichiarazione congiunta

1. A seguito del rinnovo degli accordi collettivi di riferimento, le parti avvieranno le trattative per l’eventuale adeguamento della presente convenzione alle condizioni di maggiore favore, per quanto compatibili, previste dagli accordi predetti. 2. Al fine di adeguare la disciplina contrattuale dei biologi, chimici e psicologi alle corrispondenti professionalita’ del SSN, le parti si impegnano, per il successivo rinnovo contrattuale, ad avviare una trattativa congiunta con i medici ambulatoriali che operano negli ambulatori SASN.

…omissis.