Federazione Sindacati Indipendenti

FSI: ACCORDO INTERCONFEDERALE DA MODIFICARE

Il Patto sulla Rappresentanza nei luoghi di lavoro, firmato da cgil,cisl,uil e confindustria il 31 Maggio 2013, è un accordo Vergognoso e anticostituzionale.
Questo accordo cancella la legge 300/1970 (statuto dei Lavoratori) il patto sottoscritto ha nel suo interno la volontà di escludere qualsiasi altro soggetto della rappresentanza nel mondo del lavoro, e sopratutto di togliere il CONFLITTO.

In parole povere l’accordo stabilisce che possono partecipare alla contrattazione nazionale di categoria solo le organizzazioni Sindacali firmatarie dell’accordo,e che abbiano almeno il 5% degli iscritti e il 5% dei voti RSU…..? potrebbe assomigliare alla normativa già vigente nel Pubblico Impiego, ma non è cosi, nel settore privato non a tutte le organizzazioni Sindacali e consentito ottenere dalle Aziende il diritto alle ritenute Sindacali in busta paga, essendo questo privilegio lasciato ai GIULLARI di cgil,cisl,uil.

Sfogliando l’accordo nella parte riguardante il delegato RSU eletto dai Lavoratori hanno veramente toccato il fondo, introducendo una norma che se il delegato RSU eletto in una lista cambia l’appartenenza Sindacale decade la sua carica e viene sostituito con il primo dei non eletti della lista originaria…..(da regime) questo però non succede in parlamento dove gli eletti passano da un partito all’altro o ne fanno nuovi mantenendo la carica di deputato.

Continuando a leggere l’accordo, scompare sempre di più la Democrazia Sindacale, dove nei suoi meandri si legge che ogni organizzazione firmataria del Patto dovrà garantire il pieno rispetto dei contenuti scritti, e se si vuole partecipare alla RSU, per farlo dovrà sottoscrivere l’accordo, che prevede di NON intraprendere eventuali iniziative di lotta per contrastare i vari accordi sottoscritti, togliendo di fatto la propria autonomia Sindacale,pena l’applicazione delle sanzioni stabilite dalle categorie.
In parole povere l’accordo sottoscritto tra i GIULLARI Sindacali e i padroni, garantisce per sempre a cgil,cisl,uil il monopolio della rappresentanza Sindacale nei posti di lavoro, pubblici o privati.
La cosa grave è che questo accordo VERGOGNOSO, cancella il concetto delle garanzie e delle Libertà Democratiche per le Lavoratrici e Lavoratori, scritto nella nostra COSTITUZIONE ITALIANA.

NOI COME FSI-USAE, FEDERAZIONE TERRITORIALE LODIGIANA NON CI STIAMO, E DA SUBITO MOBILITIAMO TUTTI I LAVORATORI, INDICENDO IN TUTTI I POSTI DI LAVORO ASSEMBLEE, PER SPIEGARE IL CONTENUTO DELL’ACCORDO, E ENTRO LA FINE MESE ORGANIZZEREMO UN PRESIDIO DAVANTI ALLA PREFETTURA PER DIRO NO AL VERGOGNOSO ACCORDO.

IL SINDACATO F.S.I. – USAE INDICE LO STATO DI AGITAZIONE DI TUTTI I LAVORATORI PUBBLICI E PRIVATI DELLA PROVINCIA DI LODI, E CHIEDE ALLE LAVORATRICI E LAVORATORI DI STRACCIARE LE DELEGHE SINDACALI DEI SINDACATI GIULLARI, E PASSARE CON IL SINDACATO INDIPENDENTE F.S.I. – USAE, UNICA VOCE DEI LAVORATORI, PER DARE DIRITTI, SALARIO, DIGNITA’ E DEMOCRAZIA NEI POSTI DI LAVORO.

F.S.I. – USAE FEDERAZIONE TERRITORIALE LODIGIANA
Gianfranco Bignamini – Segretario Territoriale