Federazione Sindacati Indipendenti

Sanità Roma, sequestrato il tesoro di Lady Asl: oltre 19 milioni

Roma, Sequestrato il tesoro da oltre 19 milioni di euro a Anna Iannuzzi, nota alle cronache come ‘Lady Asl’ e a suo marito. I carabinieri del nucleo investigativo di Roma hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro anticipato dei beni emesso dal tribunale della Capitale – sezione misure di prevenzione, nei confronti dei coniugi Andrea Cappelli e Anna Iannuzzi.

Il provvedimento è stato emesso su richiesta della Procura della Repubblica di Roma. In base al decreto – si spiega – i due sono stati ritenuti socialmente pericolosi, poiché stabilmente dediti ad attività delittuose sin dal 1997 ed è stata rilevata una netta sproporzione tra il patrimonio da loro accumulato negli ultimi anni e il reddito dichiarato al fisco.

Lady Asl ed il marito Andrea Cappelli sono stati al centro dell’indagine sulla sanità nel Lazio, sviluppata da Giancarlo Capaldo e Giovanni Bombardieri e dai carabinieri di via in Selci negli anni 2005-2009 che fece emergere, fra l’altro, l’esistenza di un rodato sistema corruttivo che vedeva coinvolti anche funzionari pubblici delle Asl capitoline. Secondo diversi processi, un fiume di denaro fu dato a società fantasma riconducibili alla signora Iannuzzi ed al marito. Grazie alle indagini di Procura e carabinieri – si sottolinea in una nota – già all’epoca furono sequestrati e restituiti al Servizio sanitario regionale, quasi 40 milioni di euro indebitamente percepiti dai coniugi Iannuzzi – Cappelli, i quali sono stati poi condannati con sentenza definitiva per associazione per delinquere falso materiale, corruzione, truffa aggravata e frode processuale.

Il provvedimento di sequestro di oggi colpisce rapporti finanziari e 3 immobili ubicati a Roma (via Casale delle Cornacchiole; via G. Berto; via Andrea Solario), per un valore complessivo di oltre 19 milioni di euro.

Int3
(TMNews)