Federazione Sindacati Indipendenti

Lombardia: stop fino a 31 dicembre apertura grandi centri commerciali

Milano, ”Vogliamo osare a tal punto che in sei mesi intendiamo riscrivere le regole del commercio in Lombardia”. E’ il commento del presidente Angelo Ciocca (Lega Nord) dopo l’approvazione all’unanimita’ in Commissione Attivita’ produttive del progetto di legge (relatore Antonello Formenti, Lega Nord) che prevede la sospensione fino al 31 dicembre 2013 di nuove autorizzazioni all’apertura di grandi strutture di vendita e le richieste di ampliamento.

”E’ importante – ha aggiunto Ciocca – aver allargato la moratoria ai procedimenti per il rilascio di autorizzazioni relative ad interventi previsti in accordi di programma promossi da Regione Lombardia. Da qui all’esame dell’Aula sara’ importante inoltre riflettere sulle indicazioni di deroghe avanzate dal PdL riguardo ad interventi connessi ad opere legate ad Expo 2015”.

”Come gruppo del Pdl – ha sottolineato Carlo Malvezzi – abbiamo richiesto una riflessione su due temi centrali: da una parte la possibilita’ di escludere dalla moratoria gli interventi connessi ad Expo 2015 per la grande rilevanza che avra’ questo appuntamento per tutto il territorio lombardo, dall’altra di garantire la possibilita’ di portare a termine le modifiche di ampliamento, gia’ presentate, perche’ non alterano gli equilibri del sistema commerciale.” La moratoria, nel progetto di legge che andra’ in discussione in Consiglio regionale nella seduta di martedi’ 25 giugno, riguarda anche tutte le domande presentate e ancora in corso di valutazione.

Il testo prevede inoltre che l’autorizzazione all’apertura o la richiesta di modifiche alla struttura verra’ revocata qualora il titolare non inizi l’attivita’ entro tre anni.

Solo a fronte di cause impreviste non imputabili all’operatore, dopo l’avvio dei lavori, il Comune potra’ prorogare il termine per il periodo strettamente necessario alla conclusione delle opere edilizie.

red/res
(ASCA)