Federazione Sindacati Indipendenti

Lombardia: sbloccati da Ue 37 mln euro per danni terremoto

Milano, I 37 milioni di euro destinati dall’Unione europea ai Comuni del Mantovano colpiti dal terremoto sono stati definitivamente sbloccati tramite il Decreto ‘Fare’ e il presidente Maroni ha gia’ firmato l’ordinanza con la quale i fondi vengono assegnati alle amministrazioni.

Contemporaneamente, nelle ordinanze, Regione Lombardia ha garantito parita’ di trattamento – rispetto all’Emilia – sia per le civili abitazioni che per gli ammortizzatori sociali.

Si e’ aperto con questo annuncio l’incontro del presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, con i 41 sindaci dei Comuni interessati dal sisma del maggio dello scorso anno.

Il quadro degli interventi ammessi a finanziamento prevede due casistiche: la prima comprende interventi realizzati, in corso di realizzazione o da avviare nei Comuni del cratere (per un totale di circa 14,5 milioni di euro). La seconda comprende invece gli interventi gia’ finanziati con le risorse statali e regionali (ad esempio le opere provvisionali gia’ autorizzate, il contributo di autonoma sistemazione, il ripristino degli edifici scolastici) e che potranno essere rendicontati alla Commissione Europea (per un totale di circa 20 milioni).

Scaricando i costi di questa seconda casistica sul Fondo di Solidarieta’ il dato di utilizzo del Fondo per la ricostruzione viene alleggerito consentendo in tal modo l’uso di fondi per altri interventi.

Sono state firmate ed inviate alla registrazione della Corte dei Conti le ordinanze di revisione dei criteri di assegnazione dei contributi per la riparazione e il ripristino immediato delle abitazioni inagibili a causa degli eventi sismici.

Ordinanze che mirano, tra l’altro, a restituire parita’ di trattamento dei soggetti danneggiati dal sisma in territorio mantovano con quelli dei territori di altre regioni.

com-fcz/gc (ASCA)