Federazione Sindacati Indipendenti

Ddl Salute 2013: animali, sigarette elettroniche e sperimentazioni

Indicazioni più chiare per le sigarette elettroniche, lotta alle struttere “lager”, piu’ tutele per cani e gatti. Previsto il riordino della sperimentazione dei farmaci

Sperimentazioni cliniche, Ordini, abusivismo, sicurezza alimentare, stili di vita, fumo elettronico. Cani, gatti e altri animali. E un po’ di impignorabilità. Di quella che non guasta, perché tutela i fondi destinati alla ricerca sanitaria pubblica, affamata di risorse.
C’è di tutto e di più nel Ddl “omnibus” su cui il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha ottenuto ieri il via libera del Consiglio dei ministri. Il Ddl imbarca temi che nel frattempo hanno assunto i caratteri dell’emergenza: dalla lotta alle strutture “lager” all’indebito apparato normativo in tema di e-smoke.

Sperimentazioni cliniche
La sperimentazione dei farmaci per uso umano è uno dei primi grandi temi oggetto di delega a scopo di riordino. Il Governo dovrà resettare nel giro di un anno tutta la disciplina di settore, individuando tra l’altro i requisiti dei centri autorizzati all’esecuzione di tutte le fasi di sperimentazione (dalla pre-clinica ai trial allargati nei pazienti); l’iter autorizzativo semplificato; i contenuti minimi dei contratti; la rideterminazione delle sanzioni, da riassegnare al bilancio della Salute.

Fumo e stili di vita
Disciplinato il nuovo pianeta del fumo elettronico: confermato il divieto per i minorenni (con sanzioni da 1.500 a 9mila euro per la vendita agli under 18) e il divieto di fumo in tutti i locali delle scuole, anche aperti. Cartucce e ricariche liquide dovranno dichiarare chiaramente composizione, concentrazione di nicotina e avvertenze sui rischi sanitari. Mentre un decreto con lo Sviluppo dovrà disciplinarne la pubblicità. Durante l’esame in Cdm è scomparso il divieto di fumo in auto in presenza di minori o donne in gravidanza, rinviato al dibattito parlamentare.

Carriere, farmacie e strutture
Più norme incidono sull’attività professionale svolta nell’alveo allargato del Ssn. Per gli specializzandi sarà concordato in Stato-Regioni un graduale percorso di inserimento nelle aziende Ssn. La dirigenza sanitaria della Salute avrà ruolo unico e sarà equiparata a quella del Ssn. In farmacia sarà possibile prevedere la compresenza e l’esercizio cumulato delle professioni o arti sanitarie (esclusi i prescrittori di medicinali, che – in caso di “accordi” sull’utile – saranno puniti con una multa da 10mila a 50mila euro); i titolari “pensionabili” potranno farsi sostituire temporaneamente da un collega. Delega al Governo, infine, per l’adozione di un testo unico per gli enti vigilati dalla Salute (Iss, Agenas, Izs e Lega per la lotta ai tumori). È sancita l’intangibilità dei finanziamenti alla ricerca sanitaria pubblica: eventuali sequestri e pignoramenti saranno nulli.

Riflettori accesi sulle strutture “lager”: scatta l’aggravante per i reati contro la persona commessi a danno degli ospiti di strutture sanitarie o sociosanitare residenziali o semiresidenziali. Recuperata anche la proposta – anch’essa ereditata da Balduzzi – di aggiornare i livelli essenziali di assistenza inserendo tra le prestazioni l’analgesia nel travaglio-parto.

Alimenti e animali
Ancora una delega a tutto campo – fatte salve le competenze delle Politiche agricole – per norme su sicurezza di alimenti e mangimi in armonia con la Ue. Tra le novità, la nascita di un sistema informativo nazionale veterinario per la sicurezza alimentare (Sinvsa); l’anagrafe degli alimentaristi che intendono esportare verso Paesi terzi; il potenziamento dei controlli, anche su navi officina e frigo. Promosso l’uso del sale iodato per la prevenzione del gozzo.

Delega anche perché il Governo si ingegni a impedire aggressioni da parte dei cani e l’uso di esche e bocconi avvelenati a loro danno. Le tavole della legge per cani e padroni dovranno prevedere percorsi formativi ad hoc promossi dai Comuni. Oggetto di tutela anche la salute dei cavalli e dei fantini partecipanti a manifestazioni pubbliche, ad eccezione di sfilate, cortei o percorsi autorizzati dalla Federazione sport equestri. Vigilerà una commissione ad hoc, integrata da un veterinario della Asl. New entry l’anagrafe degli equidi e le sanzioni per chi viola le disposizioni sul benessere degli animali

businessvox.it