Federazione Sindacati Indipendenti

Lombardia: Aprea conferma risorse per formazione professionale

Milano, ”In Lombardia abbiamo avuto una forte evoluzione della Iefp e oggi possiamo dire che abbiamo un sistema compiuto, innovativo, efficace ed efficiente.

Siamo partiti con 600 iscritti nell’anno formativo 2002/03 e arrivati agli attuali 61.500 allievi”. Lo ha ricordato l’assessore lombardo all’Istruzione, Formazione e Lavoro Valentina Aprea intervenendo all’incontro organizzato per promuovere l’iniziativa nazionale ‘Perche’ nessuno si perda’ proposta da Acli, Compagnia delle Opere e dai Salesiani a sostegno della formazione professionale.

L’appello per sostenere il futuro dei giovani nel nostro Paese, sottoscritto dall’assessore Aprea, insieme ai dieci punti del programma e’ disponibile sul sito www.formazioneprofessionalelombardia.it. Il documento considera l’istruzione e formazione professionale (Iefp) risorsa strategica per combattere gli abbandoni scolastici e aiutare i giovani a entrare nel mondo del lavoro.

L’assessore regionale ha assicurato il massimo impegno personale e della Giunta guidata dal presidente Maroni per sostenere i percorsi formativi professionalizzanti post terza media e post diploma superiore.

”Nel bilancio della Lombardia di quest’anno – ha dichiarato Aprea – sono garantiti i finanziamenti, per il 2015-2016 arriveranno i fondi dell’Unione Europea. Devo pero’ lamentare che nel riparto nazionale stabilito dal Ministero del Lavoro per la formazione professionale delle Regioni la Lombardia, insieme a Veneto e a Friuli Venezia, e’ rimasta penalizzata in quanto le risorse assegnate non premiano gli sforzi che stiamo sostenendo per questi percorsi”.

”Dal 2009 – ha sottolineato Aprea – abbiamo attivato anche il quarto anno per il diploma professionale, a cui ormai si iscrive piu’ del 50% dei qualificati. Dal 2010 e’ attivo il corso annuale per l’accesso all’esame di Stato, ma anche la possibilita’ di raggiungere la qualifica di Iefp attraverso l’apprendistato, secondo quel modello duale tedesco che tutti guardano come alla base del successo della Germania”.

Ogni anno in Lombardia si iscrive alla Iefp ben il 18% dei ragazzi che escono dalla scuola media inferiore e, insieme alle competenze chiave di cittadinanza, apprendono quei mestieri portanti per la nostra economia: la ristorazione, l’elettronica, la meccanica, i servizi per la persona, la grafica, la moda e l’abbigliamento, la trasformazione agroalimentare, la chimica.

res/rus
ASCA)