Federazione Sindacati Indipendenti

Stabilità 2014, le novità per il pubblico impiego

Blocco dei contratti nel pubblico impiego per tutto il 2014 e stop all’indennità di vacanza contrattuale. Ecco le novità per i dipendenti statali nel maxiemendamento dalla legge di stabilità 2014.

Pubblico impiego: le novità nella Stabilità 2014

Approvato nella serata di ieri il maxiemendamento al disegno di legge di stabilità 2014 che contiene tra le altre un pacchetto di norme riguardanti il pubblico impiego. Tra le novità si segnala il blocco alla contrattazione per tutto il 2014, a tutte le amministrazioni pubbliche presenti nell’elenco Istat, dalle società in house agli enti.

Stop indennità vacanza contrattale dal 2013- 2014

Stop anche l’indennità di vacanza contrattuale per il biennio 2013-14. L’indennità di vacanza contrattuale è qualificabile come un elemento provvisorio della retribuzione previsto al fine di tutelare i lavoratori nel caso di ritardi nella stipula dei rinnovi contrattuali. Dopo un periodo di vacanza contrattuale pari a 3 mesi dalla data di scadenza del contratto collettivo nazionale di lavoro, ai lavoratori dipendenti ai quali si applica il contratto medesimo non ancora rinnovato sarà corrisposto, a partire dal mese successivo ovvero dalla data di presentazione delle piattaforme ove successiva, un elemento provvisorio della retribuzione. L’importo di tale elemento sarà pari al 30% del tasso di inflazione programmato, applicato ai minimi retributivi contrattuali vigenti, inclusa la ex indennità di contingenza. Dopo 6 mesi di vacanza contrattuale, detto importo sarà pari al 50% dell’inflazione programmata.

Stop turn over fino al 2018

Tra le altre novità previste nel settore del pubblico impiego vi è anche la proroga fino al 2018 dello stop al turn over con assunzioni al 40% dei ritiri per l’anno 2015, al 60% per l’anno 2016, all’ 80% per l’anno 2017. Pagamento straordinari vincolato solo al personale presente in amministrazione e con un tetto massimo per tutte le PPAA parametrato a quello del primo presidente della Cassazione.
di Alessandra Caparello