Federazione Sindacati Indipendenti

Lombardia: Gdf, nel 2013 fisco dribblato per 20 mld, 817 evasori totali

Milano, – Evasione fiscale sulle imposte dirette superiore ai 20 miliardi di euro, evasione dall’Iva per 880 milioni. Ecco l’altra faccia dell’economia lombarda, cosi’ come emerge dalla fotografia scattata dalla Guardia di Finanza nel ‘Bilancio’ sull’attivita’ condotta nel 2013. In Lombardia, regione piu’ produttiva del Paese, le Fiamme Gialle hanno scovato 3.246 evasori di cui 817 evasori totali.

L’azione della Guardia di Finanza si e’ concentrata soprattutto sui fenomeni potenzialmente piu’ dannosi per le casse pubbliche, come l’evasione fiscale internazionale, l’economia sommersa, i reati e le frodi tributarie. Sono in tutto 20,3 i miliardi di materia imponibile che gli uomini delle Fiamme Gialle hanno recuperato in Lombardia. Circa la meta’ di questa somma (precisamente 10,5 mld) e’ stata scoperta nel corso di attivita’ di contrasto all’evasione fiscale internazionale.

Delle 3.246 persone denunciate in Lombardia per reati fiscali, 94 sono finite in carcere. I reati fiscali piu’ commessi sono quelli di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti (881), dichiarazione infedele dei redditi (225), di omessa dichiarazione (526), emissione di fatture per operazioni inesistenti (819), occultamento o distruzione di documenti contabili (437) e indebite compensazioni (171).La lotta all’evasione fiscale ha portato anche a piu’ di 46 mila controlli, su tutto il territorio regionale, di scontrini e ricevute fiscali: il 38% e’ risultato irregolare.

Sempre in campo fiscale, sono state avviate procedure di sequestro – a carattere cautelativo – per oltre 550 milioni di euro, di cui 340 gia’ eseguiti. Infine, l’attivita’ di controllo nel settore dei giochi e delle scommesse ha portato alla luce 241 violazioni contestate a 556 persone per pene pecuniarie pari complessivamente 146.392.

fcz/rus
asca