Federazione Sindacati Indipendenti

Sicilia, tumore polmone terza causa mortalita’ maschile

Palermo, Il tumore del polmone in Sicilia e’ la terza causa di mortalita’ maschile. Si stima in media ogni anno insorgano 2.314 casi incidenti di cui 1.901 (82,2%) negli uomini e 413 casi (17,8%) nelle donne. In termini di incidenza rappresenta la seconda causa tumorale negli uomini (15,9%) (dopo il tumore della prostata) e la quinta nelle donne (5%) Il rapporto tra i tassi conferma una frequenza di casi nettamente superiore tra gli uomini rispetto alle donne. I casi con diagnosi di tumore del polmone attualmente in Sicilia sono circa 15000 (9680 negli uomini e 5677 nelle donne).

A Palermo gli esperti fanno il punto sulle strategie terapeutiche e i trattamenti integrati con farmaci biologici, chemioterapici e antiangiogenici che rappresentano un’arma in piu’ a disposizione del medico per migliorare la prognosi dei pazienti con tumore del polmone. Ogni minuto due persone nel mondo muoiono per tumore del polmone causato principalmente dal fumo di sigaretta.

La prevenzione rimane l’arma piu’ efficace ma per il primo big killer diagnosi tempestiva, caratterizzazione molecolare e multidisciplinarieta’, rimangono essenziali per poter sfruttare al meglio le terapie a disposizione dei medici.

Del resto il tumore del polmone e’ la neoplasia piu’ comune in tutto il mondo, con 1,35 milioni di nuovi casi diagnosticati ogni anno e resta la principale causa di decesso per cancro, responsabile di 1.180.000 morti all’anno. Si stima che nel mondo ogni giorno piu’ di 3.000 persone muoiano di tumore del polmone.

In Italia le nuove diagnosi stimate ogni anno sono circa 38.000 con una prevalenza di 300 casi per 100.000 abitanti, il 20% di tutti i decessi per cancro nel nostro Paese sono attribuibili a questa neoplasia. La Regione Sicilia si allinea ai dati nazionali con 2.000 nuovi casi ogni anno e circa 4.000 persone che convivono con una diagnosi di tumore del polmone. La forma piu’ comune di tumore del polmone e’ quella non a piccole cellule che rappresenta oltre l’85% circa dei casi. (AGI) .