Federazione Sindacati Indipendenti

Pensione anticipata donne: in scadenza senza appello

Ancora poco tempo per le lavoratrici donne per accedere alla pensione anticipata, ovvero di andare in pensione con i requisiti previsti dalla vecchia pensione di anzianità: 35 anni di contributi e 57 anni e 3 mesi di età. Per le lavoratrici del settore privato il termine scade tra pochi giorni, mentre per quelle del settore pubblico c’è un po’ più di tempo.

Requisiti
Per accedere alla pensione anticipata è richiesto alle donne:

un’età di almeno 57 anni più tre mesi, legati alla speranza di vita, per le lavoratrici dipendenti e di 58 anni più tre mesi per le autonome;
almeno 35 anni di contribuzione;
opzione per il solo calcolo contributivo della pensione, invece del più favorevole calcolo retributivo.
=> Leggi come si calcola la Pensione con Sistema Contributivo

Scadenze
La legge fissa la scadenza dell’opzione al 31 dicembre 2015, ma considerando la finestra che dura 12 mesi per le dipendenti e 18 mesi per le autonome, le lavoratrici potranno andare in pensione quando compiranno un anno in più d’età rispetto a quella prevista dai requisiti.

Questo significa che il raggiungimento dei requisiti deve prima della scadenza del 31 dicembre 2015, ovvero:

per le autonome l’opzione è già scaduta con il mese di maggio;
entro il 30 novembre per le dipendenti private;
entro il 30 dicembre per le dipendenti settore pubblico, visto che per loro la pensione decorre già dal primo giorno successivo.
In ogni caso le donne che intendano avvalersi della possibilità di andare in pensione anticipatamente devono inviare la richiesta all’INPS nel 2015, ovvero poco prima del raggiungimento della decorrenza del pensionamento, come posticipata dalla cosiddetta finestra mobile di 12 mesi.
pmi.it