Federazione Sindacati Indipendenti

Sanità: frode su celiaci e incontinenti, 6 arresti. Prescrizioni a morti ed emigrati

Una frode alla sanità è stata scoperta dai carabinieri del Comando provinciale di Palermo che hanno eseguito stamattina un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 6 persone. Si tratta di tre farmacisti, del titolare di parafarmacia, di un dipendente dell’Azienda sanitaria provinciale, e di un corriere, accusati a vario titolo di concorso in falso, accesso abusivo a sistema informatico e truffa aggravata in danno del Servizio Sanitario.

Le indagini, avviate nel 2013 dai carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica, hanno consentito di documentare un complesso meccanismo che permetteva agli indagati “di conseguire illeciti profitti attraverso l’alterazione delle autorizzazioni emesse dall’Asp per la distribuzione in regime di convenzione presso le farmacie e parafarmacie di presidi e ausili per incontinenza e prodotti per celiaci”, spiegano gli inquirenti. Dall’inchiesta emerge, inoltre, che molti documenti sarebbero risultati falsificati e a volte appartenevano persino a persone morte da tempo, oppure ad anziani emigrati all’estero.

Alcune pratiche erano intestate ad ignari anziani che, convocati dagli investigatori, hanno detto di non soffrire di incontinenza e di non avere mai fatto richiesta per ottenere i pannolini. I particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà oggi alle ore 10 presso la Palazzina M del Palazzo di Giustizia di Palermo.
ilsitodipalermo.it