Federazione Sindacati Indipendenti

Riforma Pensioni, ecco le ipotesi di modifica per il 2015

Fonti vicine a Palazzo Chigi fanno osservare come già in questa direzione si colloca un emendamento alla legge di stabilità approvato in Parlamento con cui sono state eliminate le penalizzazioni per chi va in pensione con il requisito dei 42 anni di anzianità contributiva prima di aver compiuto i 62 anni di età. Vediamo dunque quali sono le ipotesi attualmente sul tavolo di Palazzo Chigi e cosa significano per i lavoratori.

La prima, nota a molti, è quella relativa ai pensionamenti flessibili. L’ipotesi vuole far agguantare la pensione a chi ha raggiunto almeno 62 anni e 35 di contributi, seppur con una penalità dell’8%. La penalità decresce del 2% l’anno per ogni anno di permanenza sul lavoro e, pertanto, si azzera al compimento di 66 anni.

C’è poi l’ipotesi di consentire il pensionamento con il perfezionamento della quota 100 (somma di anzianità contributiva e anagrafica) cara al presidente della commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano. Qui si vuole introdurre un meccanismo simile alla vecchia pensione di anzianità partendo da un minimo anagrafico e contributivo con il contestuale perfezionamento di una quota data dalla somma dell’età anagrafica e contributiva. Nei fatti si potrebbe accedere alla pensione con 62 anni e 38 anni di contributi, con 61 anni e 39 di contributi oppure con 60 anni e 40 di contributi.

Da menzionare anche il cd. prestito pensionistico, un’idea elaborata dall’Ex ministro del lavoro, Enrico Giovannini, che consentirebbe di anticipare l’età pensionabile sino ad un massimo un paio d’anni rispetto ai requisiti vigenti. L’anticipo poi sarebbe restituito con dei micro prelievi una volta conseguito l’assegno previdenziale. Infine, un’altra ipotesi rilanciata in questi giorni dopo la nomina di Boeri all’Inps è quella di estendere in favore di tutti i lavoratori l’opzione per il calcolo contributivo dell’assegno in cambio di un anticipo sull’età pensionabile. Qui si potrebbero ottenere anticipi molto piu’ consistenti al prezzo però di un assegno decurtato anche del 25% rispetto alle regole standard.

ipotesi-riforma-2015

Il confronto a Palazzo Chigi è già partito. Del resto sul versante previdenziale c’è già un intervento obbligato nell’agenda del Governo: la riforma della governance dell’Inps che dovrà diventare più snella e funzionale. Riforma che potrebbe vedere la luce entro febbraio. Entro tale mese, pertanto, si dovrebbero conoscere le intenzioni del Governo. Sullo sfondo c’è poi la decisione della Consulta sul referendum abrogativo della Riforma Fornero. Se dovesse essere giudicato ammissibile, ipotesi per ora remota, il Governo dovrebbe proporre una Riforma molto piu’ profonda

pensionioggi.it