Federazione Sindacati Indipendenti

Sardegna, corsi Oss. L’allarme dell’Fsi: “Rinviare termini per iscrizioni, indisponibile l’Isee 2015”

La Regione ha pubblicato il bando – per 50 corsi destinati a 1250 persone – per ottenere la qualifica di Operatore socio sanitario. Tra i documenti richiesti c’è l’Isee del 2015, ma i Caf non lo possono ancora produrre. La ‘Federazione sindacati indipendenti’: “Il termine di scadenza delle iscrizioni è da rinviare. Le domande si potrebbero produrre anche presentando l’Isee dell’anno scorso”.

SASSARI – “La burocrazia regionale blocca le iscrizioni ai corsi di formazione professionale per Operatore Socio Sanitario provocando danni immensi a chi aspira ad inserirsi nel mondo lavorativo”. E’ quello che sostiene l’Fsi, la Federazione sindacati indipendenti, che sottolinea l’urgenza di “risolvere il problema in una regione come la Sardegna dove le percentuali di disoccupazione salgono vertiginosamente e dove i giovani spesso gettano la spugna a causa di pratiche troppo cavillose”. Nello specifico l’Fsi punta il dito sui 1250 posti per corsi Oss, gratuiti dai 18 ai 29 anni, corsi finanziati con risorse provenienti dal recupero da parte della Regione dei fondi Por.

“Qui si prendono in giro persone che sono alla fame – afferma la segretaria territoriale di Sassari dell’Fsi, Mariangela Campus – chiediamo all’Assessorato competente di rinviare il termine di scadenza delle iscrizioni ai corsi perché i Caf allo stato attuale non sono in grado di fornire l’Isee del 2015 necessario per iscriversi. Proponiamo quindi di consentire di presentare comunque le domande producendo l’Isee del 2014”.

“La questione è nata dopo la pubblicazione del bando di partecipazione dei 50 corsi che consentono di ottenere la qualifica di Operatore socio sanitario. Anche la Regione pubblicizza l’evento dedicato ai residenti in Sardegna, parlando di modalità semplici e veloci attraverso la compilazione di una domanda scaricabile dal sito”. Ma le cose secondo Campus non sono così automatiche: “nella domanda infatti, viene richiesto l’Isee del 2015, compresi i conti correnti delle persone del nucleo familiare, due elementi che allo stato attuale non possono essere forniti né dai Caf né dalle banche”.

“Ecco perché chiediamo urgentemente di consentire comunque la partecipazione ai corsi presentando l’Isee del 2014 prima che scada il termine previsto il 16 febbraio 2015, in questo modo si darebbe un’opportunità a tante persone in difficoltà che ora invece sarebbero schiacciate dalla burocrazia”, conclude Mariangela Campus.
sardegnaoggi.it