Federazione Sindacati Indipendenti

Jobs Act, 15 milioni per dare lavoro a duemila disoccupati in Sicilia

PALERMO. L’obiettivo è trovare un lavoro ad almeno duemila disoccupati. E per questo scopo Crocetta e l’assessore al Lavoro, Bruno Caruso, hanno ottenuto nella lunga notte della Finanziaria un budget di 15 milioni per coprire la spesa del cosiddetto contratto di ricollocazione.

È la prima misura del Jobs Act che trova applicazione autonoma in Sicilia. Il funzionamento è molto diverso dalle tradizionali misure di sostegno al lavoro. Lo spiega lo stesso Caruso: «I disoccupati e gli inoccupati dovranno registrarsi presso i Centri per l’impiego, un po’ come già avviene per il piano Garanzia Giovani. Una volta fatta la registrazione, ognuno di loro avrà diritto a un bonus che varrà al massimo 8 mila euro. Non sono soldi che incassa il disoccupato ma è il premio per le agenzie del lavoro private che riusciranno a trovare un impiego all’interessato».

In pratica, fra il disoccupato e l’agenzia verrà stipulato un contratto, che prevede appunto l’obiettivo di trovare un lavoro. «Ogni disoccupato – spiega Caruso – verrà registrato e gli verrà assegnato un grado di difficoltà nella ricerca di un lavoro basato su competenze, età e altri dettagli. Più alto è il grado di difficoltà, maggiore sarà il bonus a vantaggio dell’agenzia di lavoro privata che si occuperà di lui. Il massimo è 8 mila euro, il minimo 3 mila»

gds.it