Federazione Sindacati Indipendenti

Meningite C, vaccini anche dai medici di famiglia „Meningite C, vaccini anche dai medici di famiglia

Meningite C, vaccini anche dai medici di famiglia
„I vaccini contro il meningococco di tipo C, quello che è stato fatale nei casi dell’Empolese Valdelsa e del Valdarno, potranno essere effettuati anche dai medici di famiglia. Lo prevede l’accordo, approvato con una delibera di giunta, che verrà siglato nei prossimi giorni dall’assessore al diritto alla salute, dai direttori generali delle Asl 3 di Pistoia, 4 di Prato, 5 di Pisa, 8 di Arezzo, 10 di Firenze, dal presidente della Società della Salute empolese e dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali dei medici: Fimmg, Intesa sindacale, Smi, Snami.

I pediatri sono già coinvolti attivamente nella vaccinazione, in base a un accordo firmato il 9 aprile scorso, che prevede il coinvolgimento dei pediatri di famiglia in tutte le vaccinazioni dei bambini (e quindi anche quella contro il meningococco C). L’accordo approvato dalla giunta fa entrare in campo anche i medici di famiglia, ma soltanto per la vaccinazione antimeningococco C. Questo, data la particolare situazione epidemiologica che si è venuta a creare nella nostra regione per le infezioni da meningococco C, e nell’ottica di agevolare il ricorso alle misure di profilassi da parte dei cittadini, anche in virtù del rapporto di fiducia che li lega al medico di famiglia.

L’accordo collettivo nazionale dei medici di famiglia prevede, tra i compiti dei professionisti, anche l’adesione ai programmi di vaccinazione concordati a livello aziendale e regionale. E l’evoluzione della situazione epidemiologica ha reso necessario un adeguamento della politica vaccinale della Regione. Alla luce di questo accordo regionale, ciascuna azienda sanitaria definirà specifici accordi con i medici del proprio territorio. La maggior parte delle aziende hanno già concluso questi accordi, e di fatto i medici hanno già cominciato a vaccinare.

MUGELLO – Vaccinazione gratuita contro il meningococco di tipo C fra gli 11 e i 20 anni, estesa dai 21 ai 45 anni nei territori delle Aziende sanitarie, come nel caso dell’Asl 10, dove è stato registrato almeno un caso di meningite del ceppo C. E’ quanto fissato dal piano della Regione Toscana che è in corso di attuazione. L’Asl 10 Firenze si è attrezzata attivando tutte le proprie strutture, anche a livello territoriale, dove potersi rivolgere per la vaccinazione. Anche nel Mugello, una prima fornitura di vaccini è arrivata e sta iniziando la campagna di vaccinazione contro il meningococco C, al poliambulatorio in viale della Resistenza, poi anche all’Ospedale, a Borgo San Lorenzo. E un importante apporto, nella campagna vaccinale, arriverà dai pediatri di famiglia e medici di medicina generale, a cui ci si potrà rivolgere nei prossimi giorni per ricevere il vaccino.

La campagna di vaccinazione gratuita con vaccino antimeningococcico tetravalente ACWY interesserà tutti i ragazzi di età compresa tra 11 e 20 anni. Per tutto il 2015 il vaccino viene reso disponibile gratuitamente e su richiesta nella fascia d’età 21-45 anni, in quei territori dove si è verificato un caso di meningite C.

In particolare dall’Asl sono attivati presidi dove è possibile ricevere il vaccino da parte di personale sanitario in condizioni di sicurezza per il cittadino. Per il Mugello: 2 postazioni al Poliambulatorio il mercoledì mattina 9-13 e 3 postazioni all’Ospedale dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 19, previa prenotazione al Cup.

Per ulteriori informazioni e chiarimenti sono a disposizione due numeri telefonici del Poliambulatorio di Borgo San Lorenzo, 055 8451513 e 055 8451521, nei giorni martedì, giovedì e venerdì dalle 8,30 alle 10. Le prenotazioni possono essere fatte al Cup chiamando 840.003.003 da fisso, 199 175 955 dal cellulare oppure on line sul sito www.asf.toscana.it.

firenzetoday.it