Federazione Sindacati Indipendenti

Italiani i più pessimisti d’Europa su pensioni e qualità del lavoro

Italia maglia nera per la fiducia dei lavoratori in età pensionabile. Quando pensano agli anni che li separano dalla pensione, gli italiani si sentono i più sfiduciati in Europa (52%) e tra i meno motivati insieme ai cugini d’Oltralpe (55%). Quando, invece, pensano proprio alla pensione, solo il 20% dei connazionali ha già fatto dei piani e dichiara di percepirla abbastanza vicina, dato di gran lunga inferiore alla media europea (35%).

Se la pensione appare una chimera, secondo il Barometro Edenred-Ipsos 2015 la situazione non migliora osservando il livello di soddisfazione lavorativa degli italiani 55-64enni: solo il 37% degli italiani si dichiara felice al lavoro, conquistando il terzo gradino del podio dei paesi più tristi, insieme a Polonia e Repubblica Ceca. Riguardo alla qualità della vita sul posto del lavoro, il nostro Paese è penultimo con solo il 25% degli intervistati soddisfatti della propria situazione. Peggio di noi solo gli spagnoli.

E i datori di lavoro italiani si interessano al benessere dei propri dipendenti sulla soglia della pensione? Quasi uno su due (45%) è attento, ma non abbastanza da farci primeggiare in Europa dove ai primi posti svetta il Regno Unito (67%) e l’Olanda (65%). Considerando, infine, il riconoscimento dell’impegno lavorativo, l’Italia si conferma fanalino di coda (46%), appena prima di Polonia e Francia.

lastampa.it