Federazione Sindacati Indipendenti

“Basta tagli alla sanità”: domani il presidio Fsi

“Una sanità a portata di tutti e che non penalizzi i più poveri”. E’ questo l’obiettivo della raccolta di firme che, a partire da domani, 4 novembre, vedrà per l’Abruzzo iscritti e dirigenti della Federazione Sindacati Indipendenti, tenere banchetti informativi all’ingresso dell’ospedale Santissima Annunziata di Chieti. Il capoluogo teatino, infatti, è una delle cento città italiane coinvolte nell’iniziativa, in programma fino alla fine di dicembre, che vuol dire basta ai tagli in sanità.

“Vogliamo una sanità senza distinzione di classi sociali – dice Raffaello Villani, segretario territoriale di Chieti della Fsi – con l’azzeramento delle consulenze e delle esternalizzazioni e l’adeguamento degli stipendi al costo della vita con standard europei. Inoltre – aggiunge Villani – chiediamo che gli infermieri di famiglia possano lavorare in regime di convenzione per garantire la cura dei malati a domicilio”.

Tra le altre richieste della Fsi c’è il riconoscimento del ruolo sanitario e la possibilità di sviluppo di carriera per gli operatori sociosanitari che garantisca all’utenza un adeguato trattamento negli ospedali e sul territorio, oltre all’inquadramento contrattuale nell’area della dirigenza per le professioni sanitarie previsto dalle leggi 42 del ’99 e 251 del 2000. La Fsi, sindacato tra i più diffusi tra i lavoratori della sanità, anche in Abruzzo, chiede poi la revisione dei parametri di riconoscimento di lavoro usurante per i turnisti del servizio nazionale e l’abolizione, per il personale della sanità pubblica, dell’articolo 53, comma 1, del decreto legislativo165 del 2001. Quello, in pratica, che nega la libera professione. “Una sanità a portata di tutti è un diritto”, conclude Villani. Si può sottoscrivere la petizione della Fsi in tutti i luoghi di lavoro della pubblica amministrazione, centrale e locale.
Comunicato stampa Fsi

zonalocale.it