Federazione Sindacati Indipendenti

Sanità, nei weekend 40mila visite negli ambulatori del Lazio

Quarantamila cittadini dall’inizio dell’anno ad oggi si sono recati negli ambulatori di Roma e provincia nei weekend. Il sistema Gipse, che censisce gli accessi ai pronto soccorso, ha rilevato una crescita importante di queste strutture territoriali che, da gennaio, hanno ridotto del 14,2% gli accessi dei codici bianchi nei dipartimenti d’emergenza degli ospedali romani, dirottando complessivamente circa 3mila persone. Da agosto, inoltre, gli accessi in ogni weekend sono costantemente cresciuti, passando da una media di circa 700 a quella attuale che da settimane è vicina agli 840 accessi.

Gli ambulatori piu frequentati sono quelli della Asl Roma A, quattro, compreso quello di piazza Istria, il capostipite di queste strutture, e quello di Ostia del lungomare Toscanelli diventato ormai un punto di riferimento nei giorni festivi per la popolazione lidense, ma anche per quella residente nelle aree urbanizzate limitrofe come Casal Palocco, Acilia, Infernetto, Dragona.

Nei weekend ognuno di questi studi viene utilizzato da un massimo di 80 ad un minimo di 40 pazienti. La tipologia degli interventi richiesti è per il 52.9% relativa a visite con prescrizioni, il 18.2% invece è per prestazioni infermieristiche, il 17.2% per certificazioni e il 9.8% per prestazioni legate alla continuità terapeutica.

In base ad uno studio condotto dalla Cabina di regia che monitorizza da sempre l’andamento di questo progetto sperimentale, su 27.682
accessi su un totale di 38.739, gli invii al pronto soccorso sono stati 471 pari all’1,7% dei casi censiti; quelli che hanno richiesto l’immediato intervento del 118 invece sono stato lo 0.2% pari a 56 casi.

I risultati soddisfano in pieno il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: “I numeri dicono che il progetto di rendere disponibili i medici di famiglia anche il sabato e la domenica ed i giorni festivi , assicurando così una assistenza sanitaria a livello territoriale 365 giorni l’anno, è pienamente riuscito. Queste strutture sono ormai radicate nel tessuto delle città e costituiscono un punto di riferimento

certo sul quale i cittadini contano. Inoltre gli ambulatori drenano accessi inutili al pronto soccorso ed in modo significativo”.

“E’ la nuova sanità che ormai inizia ad avere radici solide. Da gennaio entreranno in servizio presso queste strutture anche i pediatri allargando così la copertura assistenziale nei giorni festivi anche ai bambini per una maggiore tranquillità delle famiglie”, conclude Zingaretti.

roma.repubblica.it