Federazione Sindacati Indipendenti

Ospedali, la protesta non si ferma „Ospedali, la protesta non si ferma

Ieri ad Arco più di 300 persone hanno protestato davanti all’ospedale contro la chiusura notturna dei punti nascita e del pronto soccorso con il trasferimento di parti e codici rossi su Trento e Rovereto. Mercoledì il sindaco Betta incontrerà l’assessore Zeni. Intanto gli amministratori comunali delle Giudicarie domani saranno in consiglio provinciale

Dopo Cavalese e Tione la protesta contro la riorganizzazione della rete ospedaliera trentina arriva anche ad Arco. Ieri più di 300 persone hanno protestato davanti all’ospedale contro la chiusura notturna dei punti nascita e del pronto soccorso con il trasferimento di parti e codici rossi su Trento e Rovereto. Nel mirino il piano voluto dall’assessore alla sanità luca Zeni. Proprio ieri il primo caso di trasferimento di una partoriente all’ospedale di Rovereto. Presenti alcuni assessori comunali e il sindaco Alessandro Betta che mercoledì incontrerà Zeni. Intanto gli amministratori comunali delle Giudicarie domani saranno in consiglio provinciale a Trento per tenere alta la protesta contro la riorganizzazione della rete ospedaliera.

trentotoday.it