Federazione Sindacati Indipendenti

Integrativo Asl, FSI sul piede di guerra

La Asl presenta la proposta di contratto integrativo del personale e subito scoppia la polemica. Con il sindacato Fsi che annuncia che non firmerà nulla finché le proposte non verranno prima discusse nella commissione preposta e poi portate all’esame della contrattazione decentrata.

Al di là delle contestazioni di metodo, sono diversi anche gli aspetti di merito che non piacciono all’organizzazione, che ha scritto una lettera ai vertici della Asl, a cominciare dal nuovo direttore generale Daniela Donetti, per chiedere di rivedere il tutto.

La Fsi si dice contraria all’introduzione di nuove posizioni di coordinamento, “senza un preventivo controllo sulle posizioni aperte, tenuto conto che, all’interno di quest’azienda, vi sono coordinamenti che dirigono solo tre unità”.

“Siamo contrari – dice il segretario provinciale Mario Perazzonia – anche a svolgere selezioni interne per quelle posizioni che non sono state modificate, mentre siamo d’accordo, per quanto riguarda quelle rimodulate o di nuova istituzione, che si faccia un concorso interno”.

corrierediviterbo.corr.it