Federazione Sindacati Indipendenti

Tangenti Sanità: Monza, in Italia l’uomo dei segreti

Tangenti Sanità, l’inchiesta riprende vigore. E il gioco delle tangenti Sanità riparte. L’ultimo tassello del puzzle di Dentopoli è arrivato stamane a Roma in manette proveniente dagli Stati Uniti. Da Miami dove era stato fermato grazie ad un mandato di cattura internazionale. Poi sarà sentito da un magistrato romano, delegato dai colleghi monzesi, nell’interrogatorio di garanzia e poi trasferito dopo Pasqua nel carcere monzese di via Sanquirico. Stefano Lorusso, non è uno qualunque coinvolto nell’inchiesta che ha travolto la Sanità lombarda.

E’ l’ultima delle 21 persone per cui la Procura di Monza aveva chiesto l’arresto nell’ambito delle indagini sulle tangenti per la gestione delle cliniche odontoiatriche negli ospedali della Lombardia. Lorusso, 53 anni, agente immobiliare, è accusato di essere un anello importante della catena di corruzione. Il “riciclatore” all’estero dei soldi della cricca che per l’accusa era guidata da Maria Paola Canegrati, detta la zarina delle protesi dentarie. La donna è in carcere dal 16 febbraio insieme agli altri accusati. Con lei Fabio Rizzi, consigliere regionale della Lega Nord e presidente della Commissione sanità del Pirellone, padre della riforma sanitaria targata Roberto Maroni. Non uno qualunque pure lui.

TANGENTI SANITA’ – Proprio Lorusso, l’agente immobiliare, era l’ultimo a non essere ancora stato ascoltato dai giudici. Al momento del blitz di febbraio si trovava in Florida. Laggiù possiede una società, la “More than lux Corp“, dalla quale, secondo le ipotesi investigative di Emanuela Massenz, pubblico ministero di Monza, sarebbero dovuti transitare i proventi degli affari esteri della cricca sanitaria, fra i quali anche i soldi del progetto dell’ospedale brasiliano sponsorizzato da Rizzi e del suo portaborse Mario Longo, ma pagato dalla Regione Lombardia. Lorusso, era stato fermato negli Stati Uniti dieci giorni dopo il blitz non si è opposto alla estradizione, è sbarcato oggi all’aeroporto di Fiumicino.

TANGENTI SANITA’ – Lorusso dovrà anche dare spiegazioni sull’accusa di aver ricevuto 50mila euro in contanti dalla Canegrati. Somma di denaro da dividere poi fra Longo e Rizzi. Ma soprattutto l’immobiliarista sa molto sui flussi di denaro verso dall’Italia all’estero.

nuovabrianza.it