Federazione Sindacati Indipendenti

Tangenti sanità, il prefetto di Milano commissaria l’azienda di ‘Lady dentiera’

La decisione era nell’aria da mesi, da quando l’ennesima grana giudiziaria in ambito sanitario lombardo era esplosa portando in carcere Fabio Rizzi, leghista e ‘padrino’ della riforma sanitaria. Ora è ufficiale, il prefetto di Milano, Alessandro Marangoni, ha commissariato la società Servicedent di Maria Paola Canegrati, imprenditrice coinvolta nell’inchiesta su tangenti e appalti truccati insieme con Rizzi, ormai ex presidente della commissione Sanità al Pirellone.

La decisione “di straordinaria e temporanea gestione” riguarda i contratti di appalto nell’hinterland di Milano ed è stata presa su proposta del presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), Raffaele Cantone. Commissari sono stati nominati Laura Arosio, commercialista e consulente tecnica del tribunale di Milano e Gianluca Minnini, avvocato e commercialista con esperienza in diritto concorsuale, penale e d’impresa.

L’INCHIESTA Un monopolio da 400 milioni – A casa Rizzi sequestrati soldi nel congelatore

Nel provvedimento firmato dal responsabile di corso Monforte si ricorda che il gip di Monza, Emanuela Giovanna Cobetta, il 27 gennaio ha emesso “un’ordinanza di applicazione delle misure cautelari in carcere” per associazione per delinquere, corruzione, turbata
libertà degli incanti “nei confronti, tra gli altri, di Canegrati, che è amministratore unico della Servicedent srl, società coinvolta nell’inchiesta della Procura di Monza e affidataria di diversi appalti, ancora in corso di esecuzione, inerenti a servizi nel settore odontoiatrico”. Anche per questo le disposizioni del prefetto sono state inviate anche all’ospedale di Melegnano e all’Asst (ovvero azienda socio-sanitaria territoriale) Nord Milano.

milano.repubblica.it