Federazione Sindacati Indipendenti

Debito pubblico arriva alla cifra astronomica di 2.252,2 miliardi di euro

Una cifra astronomica che fa venire il mal di testa solo a pensarci. Il #debito pubblico italiano, a luglio, è arrivato alla stratosferica cifra di 2.252,2 miliardi di euro. Si tratta di 3,4 miliardi di euro in più rispetto al precedente mese di giugno. È quanto si può leggere sul bollettino statistico della Banca d’Italia, che quantifica anche in ben 80,5 miliardi di euro l’aumento di debito delle amministrazioni pubbliche italiane nel periodo compreso tra gennaio e luglio 2016.

Le cose non sono poi così rosee

Insomma, le cose non sono poi così rosee per l’Italia, ed il debito pubblico continua ad aumentare: sembra quasi non avere limiti. Ma cos’è il debito pubblico? È quel debito contratto da uno Stato nei confronti di altri soggetti nazionali o esteri, che hanno sottoscritto un credito con lo stesso, attraverso l’acquisizione di obbligazioni o titoli di Stato, destinati a coprire il fabbisogno di cassa statale, nonché l’eventuale deficit pubblico, ossia l’eventuale disavanzo tra uscite ed entrate nel bilancio di un determinato Paese.

L’abbattimento del debito pubblico: una necessità

Possibile che non si riesca ad invertire la rotta? Sono decenni, ormai, che questa cifra, divenuta davvero astronomica, continua ad aumentare senza che nessun governo riesca realmente a ribaltare la situazione, puntando ad una diminuzione. Pare evidente, infatti, che con un debito pubblico ridotto si potrebbe pensare, ad esempio, ad una politica fiscale diversa, improntata su un’importante riduzione delle tasse alle imprese, che rappresenterebbe un volano sicuro verso la ripresa economica.

In questo modo, invece, si rischia solo di avvitarsi su se stessi, finendo in una fase depressiva senza fine. L’abbattimento del debito pubblico non è più una possibilità, ma è ormai diventato una necessità. Lo dobbiamo fare per noi stessi, ma soprattutto per chi verrà dopo di noi. Le future generazioni hanno diritto di ritrovarsi un Paese con i conti sotto controllo, che permetta loro di esprimersi al meglio. In questa situazione, i vincoli sono troppi ed eccessivi

it.blastingnews.com