Federazione Sindacati Indipendenti

La disoccupazione giovanile cala al 37,9% a gennaio. Crescono gli occupati Catania

A gennaio sono aumentati soprattutto i lavoratori a tempo indeterminato e gli indipendenti, mentre sono calati quelli a termine. Il tasso di occupazione tra i 15 e i 64 anni è pari al 57,5% (+0,1 punti percentuali rispetto a dicembre), a livello più alto dopo maggio 2009 (era al 57,7%). Guardando alle principali componenti, ci si aspetta che l’energia abbia il tasso più elevato (9,2%, rispetto a 8,1% di gennaio), seguita da cibo, alcol e tabacco (2,5%, rispetto a 1,8% di gennaio), servizi (1,3% rispetto al precedente 1,2%) e prodotti industriali non energetici (0,2% rispetto a 0,5%). Segnali di crescita si rilevano su base trimestrale per dipendenti a termine e indipendenti, mentre sono stabili i dipendenti permanenti.

Il tasso – rileva l’Istat – è sceso di 1,3 punti percentuali rispetto al mese precedente, attestandosi al 37,9%. Nel mese di gennaio restano sostanzialmente stabili rispetto a dicembre i livelli occupazionali, con il tasso di disoccupazione all’11,9%, rende noto Istat. L’Istat ribadisce anche che l’incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 10,1%. Tale incidenza risulta in calo di 0,6 punti percentuali rispetto a dicembre.

La stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni nell’ultimo mese continua a diminuire (-0,3%, pari a -42 mila), confermando il trend di crescita della partecipazione al mercato del lavoro che caratterizza gli ultimi tre anni. Il calo, spiega l’istituto di ricerca, interessa gli uomini e tutte le classi di età (a eccezione dei 15-24enni).

Il tasso di inattività è al 34,6%. Disoccupazione giovanile in calo a gennaio. Nello stesso periodo crescono i disoccupati (+4,2%, pari a +126 mila) e calano gli inattivi (-3,3%, pari a -461 mila). Catania Top News
cataniatopnews.com