Federazione Sindacati Indipendenti

Sangue artificiale, ora può essere prodotto “a litri”

Il sangue artificiale può finalmente essere prodotto in quantità industriali, utilizzando come “materia prima” un particolare tipo di cellule progenitrici messo a punto in Gran Bretagna dagli esperti dell’Università di Bristol in collaborazione con l’NHS Blood and Transplant. Il risultato, pubblicato su Nature Communications, potrebbe portare in un futuro non troppo lontano ad avere trasfusioni di sangue più facili e sicure, soprattutto per chi ha un gruppo sanguigno raro e per chi soffre di malattie come la talassemia.

Verso la produzione di massa

Diversi gruppi di ricerca in passato erano già riusciti a produrre sangue artificiale, ma soltanto in quantità esigue ed insufficienti per una vera trasfusione: questo perché il sangue veniva generato coltivando in provetta delle staminali che non riuscivano però a produrre più di 50.000 globuli rossi a testa. Per superare questo scoglio, i ricercatori britannici hanno “intrappolato” le staminali del sangue in uno stadio precoce del loro sviluppo rendendole “immortali”, capaci cioè di dividersi all’infinito producendo quantità illimitate di globuli rossi.

Prodotti litri di sangue

Trovata la materia prima giusta, i ricercatori sono riusciti a produrre litri di sangue artificiale. Ora li attende una nuova importante sfida: testare il prodotto sull’uomo e ingegnerizzare l’intero processo produttivo per renderlo più semplice e meno costoso.

Chi ne potrà beneficiare

«La nostra intenzione non è quella di rimpiazzare le donazioni di sangue, ma di fornire trattamenti mirati per specifici gruppi di pazienti», precisano i ricercatori. Il sangue artificiale potrà essere usato innanzitutto per le trasfusioni nei pazienti con un gruppo sanguigno raro, per i quali è più difficile trovare dei donatori compatibili, ma non solo: «i pazienti che potranno trarne i maggiori benefici – spiegano gli esperti – sono quelli che soffrono di malattie del sangue gravi e complesse, come l’anemia falciforme e la talassemia, che possono richiedere molteplici trasfusioni di sangue perfettamente compatibile».

ok-salute.it