Federazione Sindacati Indipendenti

Migliore protezione dei lavoratori contro le sostanze cancerogene: il Consiglio raggiunge un accordo

Il Consiglio EPSCO ha raggiunto un accordo che garantirà la protezione di oltre 4 milioni di lavoratori contro l’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro.

La sig.ra Helena Dalli, che presiedeva la sessione del Consiglio, ha dichiarato “Grazie a questo accordo saremo in grado di proteggere meglio milioni di lavoratori dell’UE contro l’esposizione a sostanze chimiche cancerogene durante il lavoro. Questo è particolarmente importante in quando il cancro costituisce la prima causa di mortalità connessa al lavoro nell’UE.”

La direttiva proposta cerca di introdurre valori limite di esposizione più severi e osservazioni relative alla pelle per cinque agenti cancerogeni, nonché osservazioni relative alla pelle indipendentemente dai valori limite per altri due agenti cancerogeni, contemplando in totale sette agenti cancerogeni.

Le sostanze cancerogene e mutagene contemplate dalla direttiva sono le seguenti: oli minerali precedentemente usati nei motori a combustione interna, alcune miscele di idrocarburi policiclici aromatici (IPA), 4,4′-metilendianilina, epicloridrina, etilene dibromuro ed etilene dicloruro.

Informazioni generali

Nel gennaio 2017 la Commissione ha presentato la revisione proposta che riguarda in particolare gli allegati I e III della direttiva 2004/37/CE.

I valori limite selezionati si basano su un’analisi delle ripercussioni economiche, sociali e ambientali delle diverse opzioni strategiche per ciascun agente chimico, sui criteri del parere scientifico fornito dal comitato scientifico per i limiti dell’esposizione professionale agli agenti chimici (SCOEL) e sui principi di efficacia, efficienza e coerenza.

I valori limite sono stati inoltre approvati dal comitato consultivo per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro (CCSS).
Questa revisione fa seguito a una precedente proposta della Commissione che già includeva 13 agenti cancerogeni.
All’inizio del prossimo anno la Commissione dovrebbe adottare un ulteriore pacchetto di valori limite proposti.

consilium.europa.eu