Federazione Sindacati Indipendenti

Sanità E Tangenti. Caserta: La Dia Indaga

Sanità: il settore servizi ospedalieri imbrigliato in un giro di malavita e su cui la direzione investigativa antimafia (Dia) di Napoli sta attuando provvedimenti restrittivi. Otto le persone implicate che siedono al tavolo della dirigenza e su cui il Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere sta indagando su richiesta della Procura della Repubblica.

L’azienda ospedaliera inquisita è il Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, su cui grava l’accusa di manipolazione di gare d’appalto. Un giro d’affari di decine di milioni di euro, oltre che un mal funzionamento e omissione di controlli sullo svolgimento dei servizi.

Risultano otto le ordinanze di custodia cautelare e gli inquisiti che dovranno rispondere dell’accusa di tangenti e di una serie di inettitudini che hanno leso la salute dei pazienti.

Carmine Iovine, il direttore della Direzione medica di presidio ospedaliero dell’Azienda sanitaria di Caserta nonché dell’Unità operativa complessa Programmazione e Pianificazione Sanitaria dell’azienda sanitaria, risulterebbe essere il cugino del già noto Antonio Iovine, affiliato al clan dei Casalesi, che ad oggi collabora con la Giustizia.

Secondo quanto risulterebbe dalle indagini ambientali, Iovine si delinea come persona incline al crimine e al quale si attribuisce l’aggravante di aver sottoposto la salute dei pazienti agli interessi personali, ovvero assumendo personale non professionale ai servizi dell’azienda ospedaliera.

Il Gip Federica Villano dichiara che le indagini avrebbero appurato che Iovine non avesse dimostrato «il benché minimo interesse per la tutela della salute dei pazienti e la tutela degli interessi dell’ospedale di Caserta», mentre l’ex direttore dice «assolutamente allarmante, personalità spregiudicata e incline al crimine; questi, peraltro, faceva evidente mercimonio di posti di lavoro sia presso l’ospedale che presso le stesse ditte affidatarie dei servizi, secondo una logica clientelare» (fonte: Corriere del Mezzogiorno).

24 gli indagati nel complesso che comprende, oltre al personale dirigenziale, anche la società Gesap Srl. Nel dettaglio si tratta del servizio di pulizia delle aree ospedaliere e del servizio di supporto ai processi operativi interni.

ultimavoce.it