Federazione Sindacati Indipendenti

Cibi pericolosi per la salute, ecco la black list della Coldiretti

Sempre più attuale il tema della sicurezza alimentare anche a causa del continuo ritiro dal mercato di lotti di cibi considerati pericolosi per la salute.

Grazie alla globalizzazione, infatti, sempre più spesso ci capita di avere sulla tavola cibi prodotti da altri Paesi che non hanno la stessa legislazione in fatto di sicurezza alimentare.

Proprio per questo motivo la Coldiretti ha elaborato una sorta di black list in cui ha elencato quelli che sono i cibi che potrebbero finire sulle nostre tavole che sono più pericolosi per la nostra salute.

Black list alimenti pericolosi Coldiretti

La lista degli alimenti segnalati dala Coldiretti contiene 14 cibi prendendo in esame l’ultimo report relativo all’allerta sui rischi alimentari del 2016 tenendo conto dei cibi che contengono microtossine, residui chimici, additivi, coloranti e metalli pesanti.

In prima posizione nella black list della Coldiretti troviamo il pesce spagnolo ma si precisa che può influire sulla salute solo quello pescato negli oceani a causa della contaminazione dei metalli pesanti e per la presenza di inquinamento nelle acque.

Seconda posizione in questa classifica per i prodotti dietetici e integratori alimentari provenienti dagli USA: gli ingredienti contenuti non sono autorizzati dall’UE.

Attenzione anche agli arachidi cinesi che contengono tossine oltre i limiti fissati dall’Unione Europea; si tratta di tossine naturalmente presente nei cibi ma che se superano determinati limiti possono diventare cancerogene.

La quarta posizione è dedicata al peperoncino della Turchia a causa dei pesticidi utilizzati nella coltivazione di questi alimenti. Attenzione anche agli arachidi dell’Iran per la stessa motivazione, così come i fichi secchi della Turchia, in sesta posizione. Stessa situazione per le nocciole prodotte in Turchia (ottava posizione).

In settima posizione la carne di pollo della Polonia nella quale è possibile trovare salmonella. Peperoncino dell’India, noce moscata dell’Indonesia possono contenere salmonella mentre le albicocche secche della Turchia potrebbero essere contaminate da solfiti oltre i limiti.

Anche la carne di pollo dei Paesi Bassi , infine, è a rischio a causa delle contaminazioni di natura microbiologica.

.investireoggi.it