Federazione Sindacati Indipendenti

Restituzione degli stipendi arretrati, protestano i dipendenti dell’Ispettorato del Lavoro

Si è svolta oggi in tutta Italia la protesta nazionale dei lavoratori degli Ispettorati del Lavoro per il taglio alla produttività e la restituzione di stipendi già corrisposti e certificati. Anche a Modena si è svolta oggi pomeriggio l’assemblea dei lavoratori (in foto) indetta dai sindacati per protestare contro questa situazione.

Infatti, oltre al danno della mancata retribuzione della produttività relativa al 2016, per i lavoratori degli uffici dell’Ispettorato nazionale del lavoro si prospetta anche la beffa della probabile restituzione degli emolumenti percepiti nel 2015, benchè certificati dal Ministero Economia e Finanze e validati dalla Corte dei Conti.

Per quanto riguarda la produttività 2016, non è ancora dato saper il destino di queste somme nonostante siano stati rispettati i tempi per la loro certificazione. Il mancato utilizzo di queste somme produrrà ripercussioni anche per le progressioni economiche dei lavoratori.
Non basta il blocco dei contratti del pubblico impiego, in vigore da quasi 9 anni, ma per i 54 lavoratori dell’Ispettorato del Lavoro di Modena si profilano ulteriori danni economici, visto che per i lavoratori del Ministero del lavoro a livello nazionale è stato applicato un ulteriore taglio alle risorse già stanziate per la produttività per un importo pari a circa 7 milioni di euro.

Siamo inoltre di fronte all’assenza di volontà del Ministero di stabilire una modalità organizzativa del servizio ispettivo adeguata all’importanza del ruolo, ma soprattutto al rischio degli ispettori preposti alla lotta al lavoro nero che svolgono la loro attività utilizzando mezzi di trasporto personali anticipandone le spese, e si avvalgono di banche dati non aggiornate. A ciò si aggiunge il fatto che a Modena, su un orgnaico di 54 unità, una parte di ispettori è distolto dalle mansioni proprie per svolgere lavoro amministrativo a causa del blocco delle assunzioni.

A Modena c’è anche l’annoso problema della sede di servizio visto che quella attuale, in piazzale Cittadella, non è adeguata soprattutto al servizio da rendere al pubblico e sottodimensionata rispetto al personale presente. Infine, che dire poi della carente tutela che dovrebbe essere prevista per lo svolgimento dell’attività ispettiva che molto spesso viene esercitata di notte e nei giorni festivi.

modenatoday.it