Federazione Sindacati Indipendenti

Trapianto di feci: una nuova speranza per le infezioni multi-resistenti?

Viene definito “Fecal microbiota transplantation”. Trapiantare il materiale fecale da un donatore sano a un soggetto “portatore” di germi resistenti alla quasi totalità degli antibiotici ospedalieri a disposizione. Batteri quindi capaci di causare severe infezioni potenzialmente incurabili. È con questa tecnica che il reparto di Malattie infettive dell’ospedale San Gerardo di Monza spera di poter implementare le possibilità di “decolonizzazione” del tratto gastro-intestinale nei pazienti affetti da Klebsiella Pneumoniae Carbapenemasi-produttrice (KPC). Un’infezione batterica opportunistica, altamente resistente all’antibioticoterapia, in grado di provocare sepsi sistemiche che possono, con alta probabilità, condurre alla morte.

Un problema di sanità pubblica
Insieme alla Grecia e al Portogallo, l’Italia risulta essere uno dei Paesi più colpiti dall’infezione. «Lo studio ha preso avvio dall’osservazione del forte aumento di infezioni multi-resistenti causate dal batterio KPC sul nostro territorio.. Un’infezione che ha un tasso di mortalità nei pazienti immunodepressi di circa l’80%, ed estremamente difficile da eradicare. Si fatica a decolonizzare il paziente una volta contagiato: in realtà non si eradica l’infezione pressoché mai — spiega Andrea Gori, responsabile della sperimentazione, direttore del Dipartimento di medicina interna e dell’U.O. malattie infettive dell’Ospedale San Gerardo di Monza — E l’infezione colpisce i pazienti più fragili, come chi è immunodepresso o ha subito recentemente un trapianto.

Una battaglia difficile
Le attuali possibilità terapeutiche risultano fortemente condizionate dalla resistenza agli antibiotici, di cui il batterio KPC costituisce una “testa di serie”. «La tecnica del trapianto fecale rappresenta un’interessante opportunità per tentare di ridurre il grave problema delle infezioni ospedaliere. Si è diffusa soprattutto negli ultimi anni, dopo i risultati positivi che ha mostrato nell’eradicazione del Clostridium Difficile (ndr: altro batterio responsabile di severe coliti in corso di antibioticoterapia e difficilmente trattabile). Per questo abbiamo pensato di provare ad applicarla anche nelle infezioni da KPC. La letteratura al riguardo è ancora scarna».

Lo studio clinico
L’obiettivo dello studio è quello di trattare venticinque pazienti colonizzati dal batterio KPC, ripulire loro l’intestino e introdurre nuovo materiale fecale, con microbiota sano proveniente da donatori selezionati e in buona salute, tramite sondino naso-digiunale, per ripristinare la flora batterica “normale” e favorire l’eliminazione del batterio nocivo. Il follow-up avviene a uno, tre e sei mesi dall’intervento per verificare la buona tenuta dell’eradicazione. «In circa la metà dei pazienti trattati finora, i dati preliminari mostrano una negativizzazione per KPC al follow-up a un mese — racconta Gori — Sono risultati preliminari, ma l’aspetto interessante è che questa negativizzazione è visibile a una sola settimana dal trapianto». Cauto ottimismo poiché è ancora troppo presto per fare affermazione certe. «Abbiamo bisogno infatti di un follow-up più lungo. Sarà necessario verificare la tenuta nel tempo e, qualora si avesse conferma dei risultati, passare a una fase più allargata dello studio, per valutarne l’efficacia su una popolazione di dimensioni maggiori».

corriere.it