Federazione Sindacati Indipendenti

Australia: chiesto l’inaprimento delle pene per chi aggredisce il personale sanitario

in Australia, come riporta il quotidiano The Age, si interviene per la tutela del personale sanitario dalle aggressioni e ora le ambulanze vittoriane sono dipinte con messaggi anti-violenza e il governo ha promesso nuove e dure leggi dopo la decisione di annullare le sentenze di condanna di due donne che hanno attaccato e ferito gravemente un paramedico (nella foto) – figura diffusa nei paesi anglosassoni – veterano.

L’intervento della comunità ha sollecitato la decisione del giudice della Corte di contea Barbara Cotterell di sostenere un appello da parte delle donne , precedentemente incarcerate da un magistrato rispettivamente per otto mesi e quattro mesi, con il paramedico ferito dalle donne dicendo che sentiva “che la giustizia non è stata fatta”.

L’amministratore delegato Victoria Ambulance, Tony Walker ha manifestato la sua rabbia e la sua frustrazione e il ministro della Sanità Jill Hennessy ha detto che sono già iniziati i lavori per una nuova legislazione per la quale chiunque venga giudicato colpevole di violenza contro gli operatori dell’ambulanza vada in prigione.

Ma l’opposizione ha detto che il governo ha fallito per diversi anni come dimostrano le debolezze della legge e che i lavoratori dei servizi di emergenza ne hanno pagato il prezzo.

Il paramedico Paul Judd, che ha sofferto di ferite che hanno bisogno di tre operazioni e non riesce ancora a lavorare dopo essere stato colpito dalle due donne ubriache a Reservoir nel 2016, è sconvolto dal fatto che i suoi aggressori abbiano evitato il carcere. Sta ancora vivendo gli effetti della loro violenza.

“Sarei stato felice che il giudice confermasse la sentenza che era stata originariamente imposta”, ha detto. Judd ha raccontato di soffrire ancora di disturbi da stress post-traumatico a seguito dell’incidente, che gli ha provocato quattro fratture ai piedi e una grave infezione.

Il 63enne ha dichiarato che la sua uniforme, riconoscibile e utilizzata per ottenere rispetto dal pubblico, ora appariva più un bersaglio. Il paramedico ha anche detto di sperare ancora di tornare al lavoro, nonostante sia vicino all’età della pensione.

Amanda Warren, madre di quattro figli di 33 anni, e Caris Underwood, 22 anni, le responsabili dell’aggressione, avevano dovuto affrontare il carcere obbligatorio in base alle leggi del 2014 che richiedevano il carcere per le persone che aggrediscono i soccorritori, ma il giudice Cotterell ha applicato a entrambi le donne circostanze speciali, dichiarando che la coppia ha compiuto “enormi” sforzi per trasformare le proprie vite in giro dopo una “spaventosa” infanzia e battaglie con problemi di droga, alcol e salute mentale.

La corte ha appurato le due donne erano reduci da una giornata di baldoria con bourbon, champagne e cannabis prima di attaccare il paramedico e il suo collega Chenaye Bentley. Warren ha anche speronato con la sua auto l’ambulanza e ha rubato la collana d’oro di Judd.

“Dal nostro punto di vista – hanno dichiarato le donne assalitrici – la decisione originale del magistrato a gennaio è stata la decisione giusta”.
“Ogni 50 ore in questo stato un paramedico viene aggredito, viene aggredito verbalmente o fisicamente”, hanno spiegato le autorità.

Dopo l’ultima sentenza, le ambulanze di Victoria sono state dipinte con lo slogan “Non è giusto attaccare i paramedici” e l’unione delle ambulanze ha twittato le foto di decine di ambulanze con lo slogan dipinto.

Il ministro, signora Hennessy, dice di aver chiesto al procuratore generale Martin Pakula di iniziare a lavorare sulla legislazione che eliminerà alcune delle esenzioni utilizzate dagli aggressori di Judd per evitare di andare in prigione.

“La legislazione attuale va cambiata”, ha detto il ministro. “Il nostro governo non vuole un regime di condanna che offra questo tipo di risultati ed è per questo che il Procuratore Generale ha incaricato il Dipartimento di Giustizia di fornire consigli su come cambiare la legge.

“Dobbiamo inviare un messaggio alla nostra comunità che ci sono conseguenze molto serie se si danneggia un paramedico o qualsiasi altro operatore dei servizi di emergenza”.

Circa 560 episodi di violenza sono stati registrati contro i paramedici di Victoria l’anno scorso, il che significa che circa un paramedico su 10 è stato colpito.

Il procuratore generale-ombra John Pesutto ha dichiarato mercoledì che la decisione della corte è stata il risultato di anni di inattività da parte del Labour sulla questione della violenza contro i soccorritori.

“Negli ultimi tre anni, abbiamo ripetutamente invitato il governo laburista di Andrews a chiarire l’intenzione di tali leggi in modo che i tribunali non possano continuamente evitare di applicarle”, ha affermato Pesutto.

quotidianosanita.it